20.000 studenti in sciopero, Scuole Unite Salerno: “E’ ora di ascoltare chi rappresenta il presente e il futuro!”

di Sabrina Gambaro

Al suono della campanella di oggi più di 20.000 posti vuoti! Ragazzi e docenti hanno scioperato le proprie lezioni in DAD per dar voce alle problematiche dell’ambiente scolastico, alcune presenti già da anni, che ostacolano in maniera decisiva la formazione di tutti gli studenti. Alla protesta hanno aderito più di 40 scuole con i relativi Rappresentanti di Istituto e oltre 20.000 studenti in sciopero “da casa”, uniti sotto il nome di “Scuole Unite Salerno”.

“È arrivato il momento di ascoltare la voce di chi rappresenta non solo il futuro ma anche il presente!”, ha affermato Michele Carillo, vice presidente del CPS di Salerno (Consulta Provinciale Studenti), che ha inoltre denunciato “l’insostenibilità dei tanti mesi di lontananza dai banchi e la necessità di un rientro a scuola in sicurezza, che garantisca il diritto alla salute come il diritto allo studio.”

Una grande mobilitazione del neo-Gruppo “Scuole Unite Salerno”, concretizzatasi anche con una lettera che mette in luce i disagi riscontrati dalla comunità scolastica e varie proposte, la cui attuabilità è da vagliare con le istituzioni politiche locali.

L’appello è stato indirizzato a tutti i membri delle istituzioni che reputano l’opinione di studenti e genitori degna di considerazione, tra cui il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, l’assessore all’istruzione del Comune di Salerno Eva Avossa e l’assessore ai Trasporti di Regione Campania Antonio Marchiello.

Le proposte presentate sono:

  • Potenziare urgentemente il sistema pubblico di trasporti (su gomma, come su rotaia) in tutta la regione, soprattutto negli orari di uscita ed entrata (8.00 / 13.00);
  • Migliorare l’edilizia scolastica alle luce delle norme anti-COVID e potenziare i mezzi didattici delle studentesse e degli studenti;

  • Ritrattare la proposta di uscita alle 15.00 per il triennio dei licei del Salernitano e dell’Agro Nocerino Sarnese, alla luce della mancanza di molte corse in quella fascia oraria che ritarderebbe di diverse ore il rientro di alcuni pendolari;
  • Fornire indicazioni precise sull’esame di stato;
  • Abolire i PCTO per i licei e potenziali per gli Istituti tecnici e professionali in quanto essenziali per interfacciarsi con il mondo del lavoro;
  • ampliare gli spazi anche attraverso il recupero di edifici non utilizzati e l’ipotesi di ridurre i gruppi classe;
  • Permettere l’utilizzo dell’ala dell’edificio che affaccia su ‘Piazza XXIV Maggio’ al ‘Liceo Statale Regina Margherita’ di Salerno, in DAD continua da 11 mesi, per il conseguimento di un piano di evacuazione e per ospitare i suoi alunni in sicurezza;
  • Potenziare le reti cablate per migliorare la connessione ad internet anche nelle zone più isolate e sburocratizzare la pratica per accedere ai bonus d’acquisto di dispositivi elettronici;
  • Migliorare il tracciamento dei i contagi e i sistemi di areazione e purificazione dell’aria;

Effettuare test rapidi gratuiti e periodici su personale scolastico e studenti.

Rispondi