Una palestra di vita

Si sente spesso parlare ultimamente, anche in ambito scolastico, di educazione al sentimento, di intelligenza emotiva, ma di cosa si tratta nello specifico? Le emozioni sono stati mentali e fisici associati a modificazioni della psiche attraverso stimoli interni o esterni. Si differenziano però dal sentimento, anche se spesso vengono utilizzati come sinonimi, perché rivestono una funzione relazionale e una autoreferenziale, cioè comunicano uno stato d’animo a sé stessi e all’altro.

Secondo gli studi di Cannon e Bard, lo stimolo “emotigeno” può essere un evento, una scena, un’espressione del volto o un particolare tono di voce, qualcosa che scatena nell’individuo una particolare reazione. Durante la mia esperienza di laboratorio teatrale, ogni giorno incontro persone che riescono ad emozionarsi attraverso il teatro, scatenando reazioni che la routine quotidiana reprime perché presi dallo studio, dal lavoro, dai mille impegni che ogni giorno la vita ci prospetta. Il teatro diventa mezzo attraverso il quale vivere mille emozioni e attraverso il quale educare alle emozioni soprattutto in ambito pedagogico.

Per fare un esempio di come il teatro possa essere un potente strumento educativo, conoscitivo ed evolutivo, voglio parlarvi della mia esperienza di laboratorio con bambini, adolescenti e adulti nell’officina teatrale Primomito. Stimolando con specifiche esercitazioni i bambini ho notato come questi siano naturalmente aperti alle emozioni, i freni inibitori sono minori per cui vivono l’emozione con più spontaneità. Il teatro, inoltre, diventa un potente mezzo per affrontare le paure, le timidezze, cosa che diviene più semplice soprattutto quando si forma un gruppo di laboratorio affiatato. Il gruppo fortifica il singolo e lo aiuta ad affrontare i suoi punti di debolezza e a rinsaldare i suoi punti di forza.

Gli adolescenti, che attraversano una fase di crescita delicata, attraverso il teatro vivono anche le emozioni che cercano spesso di reprimere nella vita: il pianto, il riso, il dolore, la gioia, vengono affrontati e spesso raccontati senza timore di essere giudicati. Gli adulti, invece, sono molto spesso ri-educati alle emozioni e sembrano diventare di nuovo bambini ma consapevoli di vivere un’esperienza formativa a 360 gradi. Questi sono solo pochissimi aspetti che ci dimostrano come il teatro, il laboratorio teatrale nello specifico, possa, usato consapevolmente, divenire una vera e propria palestra di vita.

a cura di Luana Izzo – Officina teatrale Primomito

Annunci

4 pensieri su “Una palestra di vita

  1. Verissimo.
    Io faccio teatro da quando avevo sei anni e continuando non solo sono più aperta con gli altri ma riesco a comprendere meglio le emozioni e a viverle.

    Mi piace

  2. Oltre ad essere una palestra di vita, il teatro, diventa la tua seconda casa. In tre anni trascorsi, nell’officina teatrale Primomito, ho lavorato tantissimo su me stessa. Le mille emozioni provate, l’esperienza di un vero spettacolo, il pubblico, gli applausi… l’adrenalina che senti dietro le quinte. Ma di questi tre anni, nel mio cuore, rimarranno soprattutto le bellissime persone che ho conosciuto, con le quali ho condiviso tutto questo.
    Un ringraziamento speciale va a tre persone, che oltre ad essere stati I miei formatori teatrali, sono prima di tutto degli amici. Il primo grazie va al mio grande amico regista Antonio Stornaiuolo, passione e professionalita’ le sue armi vincenti. Poi c’è Luana Izzo, grandissima attrice e con I suoi piccoli attori è semplicemente spettacolare, per ultimo ma non ultimo c’è Antonio Iennaco, il teatro è la sua ragione di vita, bravissimo attore sia nel comico che nel drammatico, sempre pronto ad aiutare e non si tira indietro se c’è da montare e smontare le scenografie. Che dire!!! Grazie Primomito teatrosangiorgese ♥🎭♥ W IL TEATRO

    Mi piace

  3. Sono un’autrice teatrale e mi permetto nella mia trentennale esperienza in questo mondo, non solo di essere in modo assoluto d’accordo con Luana ma aggiungo che essendo il mondo di oggi, proteso verso il virtuale e pochissimo nel reale, partecipare a questi laboratori o a delle scuole di stesso indirizzo, ci aiutano a stare neglio, non solo con noi stessi ma anche con gli altri. Personalmente sono molto più che favorevole

    Mi piace

  4. Che dire….primomito è composto da persone straordinarie..per mia figlia,questo è il quarto anno di teatro,è diventata la sua seconda famiglia,ed è cambiata tantissimo,era molto timida,ora grazie al teatro non lo è più…
    Grazie PRIMOMITO

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...