La politica che non c’è più

di Andrea Pellegrino

Sono nato negli anni ’80, un periodo strano. Un periodo di transizione che, a quelli della mia generazione, non ha fatto vivere né il boom degli anni passati, né la speranza di un futuro migliore. Non abbiamo vissuto né i grandi del cinema, dello spettacolo e dell’arte, né siamo stati capaci di farne uscire altri di uguale spessore.

Ogni qualvolta che va via qualcuno, e negli ultimi giorni è doveroso rendere omaggio ad Antonio Valiante, resta la consapevolezza che quegli spazi vuoti non saranno più ricoperti. E non vale solo per la politica ma anche per la cultura, l’arte e l’imprenditoria. Insomma più che progresso, assistiamo ad una continua degenerazione e ad un’assenza di punti di riferimento e simboli che fanno rimanere la barra dritta.

La mia generazione ha vissuto il berlusconismo, una debolezza estrema della sinistra ed oggi un governo giallo-verde, nato più per la paura di ritornare al voto che per ristabilire l’esatto ordine delle cose. Il risultato? Non vedremo la pensione, non avremo un lavoro stabile (ad eccezione di pochi), non avremo quel giusto potere di acquisto per mantenere l’economia di una famiglia ed assicurare certezza a chi verrà. Il contentino del reddito di cittadinanza lascia il tempo che trova. Nulla di stabile, un fine elettorale per sostenere un progetto politico che sta mostrando la sua debolezza sul terreno dei fatti concreti.

Lo sfogatoio di Facebook lascia il tempo che trova: basti pensare alle intenzioni di voto che si manifestano sui social a quelle che realmente trovano concretezza nelle urne. Una realtà falsata che aumenta solo il caos. E’ vero la vecchia guardia politica ha fatto i suoi errori ma probabilmente (anzi è così) aveva sempre qualcosa da dire e la capacità di rassicurare chi è alle prese con la ricerca di un lavoro, di una stabilità economica. E nel mentre l’Olimpo dei grandi si va sempre più sfoltendo, qui sulla terra non abbiamo più grandi interlocutori o esempi. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...