DemA e Lega mettono radici

di Andrea Pellegrino

Entra DemA ed entra la Lega. Entrano Dante Santoro ed Ernesto Sica. Le novità di questa nuova tornata elettorale per il rinnovo del Consiglio provinciale di Salerno sono sostanzialmente queste. Con l’aggiunta di un seggio in più che recupera Forza Italia, che porta in aula Roberto Celano e Giuseppe Ruberto.

La nuova geografia politica provinciale si arricchisce di due nuovi elementi. Il primo riguarda il movimento di de Magistris che ha tutta l’intenzione, in vista delle prossime elezioni regionali, di conquistare pezzi di terreno anche nel fortino di Vincenzo De Luca. Ed il risultato, al momento, appare centrato, dopo aver già messo la bandierina a Palazzo di Città.

Il giovane Santoro, che dalla sua prosegue la scalata, sembra aver acceso i motori della macchina deMa anche nel salernitano. Certo è che il neo eletto Dante Santoro è parte di una civica, “Provincia di tutti”, che accoglie quasi tutte le formazioni di sinistra, a partire da Leu (dove in campo c’era un candidato espresso da Federico Conte), fino a Rifondazione Comunista e Sel.

La Lega, invece, fa il suo ingresso a Palazzo Sant’Agostino con Ernesto Sica che in pochi mesi, dopo la sconfitta alle comunali, è ritornato tra i bachi dell’assise di Pontecagnano Faiano ed ora tra quelli della Provincia di Salerno, con l’obiettivo di guardare in Europa. Sostanzialmente Sica, tra l’altro primo eletto nel centrodestra, ha opzionato la sua candidatura sotto il segno di Salvini e da lunedì è già partita la sua campagna elettorale per le elezioni europee di primavera.

Il Pd regge anche grazie alla stampella di Campania Libera che sostanzialmente bilancia i due seggi persi dai dem domenica sera. Certo è i deluchiani qualche pezzo l’hanno perso per strada. D’altronde gli otto, eletti tra Pd e Campania Libera, non sono tutti fedelissimi del governatore. A partire dal sindaco di Cava de’ Tirreni, Enzo Servalli che alle primarie del Partito democratico si schiera contro l’ordine di scuderia. Si impone Nello Fiore con il suo candidato Sagarese, mantiene Franco Alfieri con Luca Cerretani. Scende il gruppo che fa capo a Cobellis e Matera che perdono il loro rappresentante (Marcello Ametrano) in Consiglio provinciale, scalzato da Felice Santoro, consigliere comunale di Salerno, sostenuto, tra l’altro, dal gruppo politico che fa riferimento all’ex deputato Michele Ragosta.

E se per Sica è partita la campagna elettorale per le europee, per tutti gli altri è già tempo di regionali, la sfida delle sfide in Campania. Ma prima ci sono le primarie del Pd. L’appuntamento è tra meno di un mese.  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...