Europee e Comunali, conto alla rovescia

di Andrea Pellegrino

Aprile è il mese delle presentazioni delle liste elettorali. Sia quelle per le Europee (che si presentano a metà mese), sia quelle per le amministrative (la cui scadenza è per fine mese). Insomma, si apre un mese intenso che determinerà i nuovi assetti politici ed anche i nuovi governi di quasi 50 comuni salernitani.

Tra i più grossi, ci sono quelli di Nocera Superiore, Pagani, Scafati, Sarno, Baronissi e Capaccio Paestum. E se le Europee saranno un super sondaggio per i partiti nazionali, e quindi per il governo gialloverde, le amministrative rappresentano, soprattutto in questo territorio, un test importante in vista delle regionali del prossimo anno.

Per l’estate si avrà la nuova geografia e si colorerà la nuova mappa di amministrazioni comunali che avranno certamente peso in vista dei prossimi appuntamenti elettorali. Resta l’incognita del Movimento 5 Stelle che per ora avrebbe presentato (in attesa di certificazione) la lista nel solo comune di Capaccio Paestum. Qui è sceso in campo – per il centrosinistra – Franco Alfieri, già sindaco di Agropoli e fino a qualche giorno fa a capo della segreteria del presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca.

Quanto agli altri comuni, al momento, non ci sarebbe traccia dei Cinquestelle. Compreso Scafati, che rappresenta, dopo il lungo commissariamento ed il terremoto giudiziario che ha portato in manette l’ex sindaco Pasquale Aliberti, la terra politicamente più complessa. Qui il Partito democratico attende e spera di poter conquistare il Palazzo dopo un lungo periodo di governo di centrodestra. Così come tenterà di tornare in campo a Baronissi, dopo la fine ingloriosa della passata amministrazione comunale, a guida Valiante, sfiduciata il mese scorso. Si misurerà anche la Lega che per ora abbonda, sulla scia nazionale, di candidati. Sia per le Europee che per le Amministrative. Ma in quest’ultimo caso ancora non sarebbe chiaro il metodo utilizzato per l’attribuzione dell’ambito simbolo.

A Baronissi la prima controversia è tra Tony Siniscalco (che ha già sfoggiato l’immagine di Salvini) e l’ex sindaco Giovanni Moscatiello. Per dirimere la questione sarebbe stata indicata Lucia Vuolo, che tra l’altro è in pole position per una candidatura per Bruxelles. La prossima settimana, si spera, il quadro dovrebbe essere più chiaro. Almeno per le Europee.

Rispondi