Simone Lo Iudice: via da Salerno per poter vivere di beni culturali

di Erika Noschese

Lasciare la propria città natale per costruire, altrove, il proprio futuro. È questa, in sintesi, la storia di Simone Lo Iudice, trasferitosi in Irlanda, subito dopo la laurea, per cercare nuove prospettive lavorative. Il giovane salernitano si è trasferito a Dublino da circa 6 mesi, fresco di laurea magistrale in management del patrimonio culturale, presso l’Università di Napoli, dopo aver frequentato la triennale presso l’Università degli Studi di Salerno.

«Il settore artistico in Italia, già di per sé è complicato e gravitante solo attorno a due o tre città. Dopo la laurea triennale in beni culturali a Fisciano, ho iniziato il percorso magistrale a Napoli, già conscio di dover emigrare», ha spiegato il 29enne salernitano che a Dublino si occupa di installazioni, management ed apparati social presso la Olivier Cornet Gallery, nei pressi della O’Connell Street, di proprietà dell’omonimo gallerista.

Simone Lo Iudice ha dunque deciso di lasciare la “sua” Salerno a causa della scarsa offerta di lavoro e delle scarse prospettive che il Belpaese offre ai giovani, soprattutto in un delicato momento storico come questo ma, spiega il giovane, «l’ho fatto con determinazione ed entusiasmo, viste le possibilità che offrono all’estero. Così ho colto di buon grado l’occasione offertami dalla Olivier Cornet. Al momento mi occupo di installazioni, management ed apparati social ma il tutto rappresenta una palestra per imparare tanto dal vivo».

La Oliver Cornet è una galleria unica nel suo genere che ospita artisti del calibro di Conrad Frankel che annualmente si reca in Italia per dipingere. Gli altri artisti che ad oggi rappresentano la nota galleria sono: Annika Berglund, Hugh Cummins, John Fitzsimons, Jordi Fornies, Claire Halpin, Eoin Mac Lochlainn (photo), Miriam McConnon, Yanny Petters, Kelly Ratchford e Freda Rupp. Artisti, questi, impegnati nella partecipazione alla prossima esibizione intitolata “Somewhere between perception and reality”, che riguarda le apparenze nel contesto delle notizie false, le cosiddette fake news.

Rispondi