Dopo la Notte della Janara, Bracigliano diventa il paese d’ ‘o cunto, d’ ‘a musica e d’ a’ cerasa

di Luana Izzo*

Il 30 aprile scorso a Bracigliano si è celebrata “La notte della Janara”, evento organizzato dall’associazione di promozione sociale “La gatta Cenerentola” in collaborazione con il Forum dei giovani e il Comune di Bracigliano. Lo storico palazzo De Simone per l’occasione è stato teatro e palcoscenico delle più svariate manifestazioni e rappresentazioni di questa credenza senza tempo che appassiona e terrorizza grandi e piccoli: la janara, una strega dispettosa presente nelle leggende popolane, creatura del folclore campano, nata da un mondo di superstizioni.

L’evento è stato ricco di interventi che hanno raccontato e portato alla luce miti, credenze e testimonianze locali su questa figura tanto spaventosa quanto affascinante: una rassegna letteraria a cura de “Le Chat Noir” condotta dalla giornalista de “Il Mattino” Erminia Pellecchia, la proiezione del docufilm “Bracigliano e magia” di Antonio Pedicini, la messa in scena dello spettacolo teatrale “Janara, strega campana tra storia e leggenda” e poi musiche, danze e degustazioni di prodotti tipici.

L’intero mese di maggio, invece, sarà dedicato a “Bracigliano o’ paese d’ ‘o cunto, d’ ‘a musica e d’ ‘a cerasa”. Sotto la direzione artistica di Gaetano Stella, il paese sarà palcoscenico di molteplici eventi fra cui molti momenti teatrali di cui sarà protagonista anche l’officina teatrale Primomito, il 4 maggio con la pièce teatrale “Mamma” di Annibale Ruccello per la regia di Antonio Stornaiuolo. *Officina teatrale Primomito

Rispondi