Lega e 5 Stelle dividono l’Italia

di Andrea Pellegrino

Un intenso ed enorme turno elettorale quello che ci lasciamo alle spalle mentre in cinque comuni del salernitano la campagna elettorale per la scelta del sindaco non si ferma. Risultati alla mano – per quanto riguarda le Europee – i Cinque Stelle diventano il partito del sud nel mentre la Lega conquista l’intero nord imponendosi anche nel mezzogiorno.

Basti pensare che, dallo 0,8 per cento delle scorse europee, il partito di Matteo Salvini è sbalzato al 20 nel circoscrizione meridionale. In provincia di Salerno in molti comuni è arrivato primo, nonostante la presenza del Partito democratico e del Movimento 5 Stelle, imponendo tra l’altro Matteo Salvini come indiscusso mister preferenze.

Il Pd vince a Salerno, mantiene nel regno di Vincenzo De Luca ma crolla in provincia, scivolando al terzo posto. Naturalmente il quadro complessivo si avrà solo all’indomani dei ballottaggi che sanciranno il nuovo assetto politico. Per ora il primo turno ci consegna una sostanziale buona affermazione di Franco Alfieri a Capaccio Paestum, di Gianfranco Valiante a Baronissi, di Giuseppe Canfora a Sarno. Ed anche a Scafati la possibilità di ballottaggio per il candidato dem Russo.

Insomma, non va poi tanto male, se si considerano le vicissitudini interne ai comuni chiamati al voto. L’elezione di Roberti all’europarlamento, benché fortemente voluta e sostenuta da Nicola Zingaretti, rassicura sicuramente Vincenzo De Luca. Ma ancor di più quella di Giosi Ferrandino, sostenuta da pezzi importanti dem (Topo e Casillo, solo per citare qualche nome) della Regione Campania.

Nonostante l’amarezza di Caputo, ex fan dei deluchiani, gli eletti del Pd a Bruxelles tracciano comunque la strada per la ricandidatura dell’attuale governatore della Campania. Dei Cinque Stelle a Salerno non si è visto nessuno ma a quanto pare l’assenza non è che abbia poi tanto condizionato il voto. Mantengono quel che hanno, al di là dei candidati o dei big interni.

I problemi, invece, sono tutti in casa Lega, praticamente suddivisa in correnti in provincia di Salerno. C’è chi immagina una rivoluzione, nuovi assetti e nuova linea. Naturalmente in vista delle elezioni regionali del prossimo anno. C’è tempo sicuramente. Non fosse altro che tra meno di due settimane si riapriranno nuovamente le urne.  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.