Vincenzo Petrosino: «Sostanze nel sangue di una paziente affetta da cancro»

di Erika Noschese

Le fonderie Pisano sono, ad oggi, oggetto di studio da parte di numerosi esperti. Tra questi spicca, senza dubbio, anche Vincenzo Petrosino, medico chirurgo e specialista in chirurgia oncologica che, tra le altre cose, solo un anno fa ha presentato i risultati delle analisi dei metalli pesanti e Pcb effettuati su una volontaria affetta da cancro – e dopo poco deceduta – nel 2014.

In merito allo stabilimento di via dei Greci, il dottor Petrosino parla di «piccola criticità ambientale rispetto a tante grandi criticità italiane di cui mi stavo occupando», proprio per evidenziare quanto sia sempre stato impegnato in prima linea e a livello nazionale in casi di criticità ambientali quali l’Ilva di Taranto, l’aeroporto Leonardo da Vinci e le Pisano, per l’appunto, solo per citarne alcuni.

Petrosino è l’ideatore di uno studio «da molti in seguito plagiato», come ha più volte sottolineato, che si proponeva di studiare negli ammalati di alcune patologie cosa ci fosse nel sangue e nel capello, confrontando i risultati con un campione di pazienti sani. Un tentativo, quello dell’oncologo salernitano, fallito in quanto alla chiamata ha risposto una sola volontaria, una donna di 59 anni che abitava da oltre 10 anni a Fratte ed era affetta da una grave forma di cancro all’esofago e allo stomaco. La donna è poi morta poco tempo dopo, senza aver mai avuto i risultati, i cui valori – come ha sottolineato l’oncologo salernitano – sono abbastanza significativi. Dallo studio è emerso, infatti, che alcune delle sostanze ritrovate nel sangue della donna sono compatibili con il tipo di cancro trovato.

Il dottor Petrosino, sulla vicenda delle Pisano, sembra avere le idee chiare così come sulla vicenda delocalizzazione: «Dopo aver sollevato tale criticità chi vorrebbe mai lo stabilimento nel suo comune?», ha spiegato infatti il medico che ha poi puntato l’attenzione su un’altra grande fonte di inquinamento ambientale presente sul territorio salernitano: l’aeroporto Salerno-Costa d’Amalfi che, secondo lo specialista salernitano, sarebbe fonte di massimo inquinamento, dannoso per la salute e l’ambiente. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.