Pienz ‘a salut: cure a misura di popolo

di Erika Noschese

Un ambulatorio sociale per le persone che, per varie ragioni soprattutto economiche, non riescono a curarsi. E’ questa, in sintesi, l’iniziativa di Potere al Popolo e la Casa del Popolo di Salerno che hanno dato vita ad una vera e propria struttura sanitaria, “Pienz ‘a salut”, dotata di medici che mettono a disposizione delle persone indigenti la propria professionalità ed il proprio tempo.

Responsabile delle struttura sanitaria è Gaetano Rispoli che fin da subito si è attivato – con Giovanni Barone, attivista di Potere al popolo nonché operatore socio sanitario e parte attiva del collettivo – per rendere realtà questo sogno e aiutare, concretamente, i salernitani in difficoltà. Gaetano, a Fratte è nato il primo ambulatorio sociale, “Pienz ‘a Salut”.

Come nasce questa iniziativa?

«L’ambulatorio sociale “Pienz ‘a salut” nasce dall’incontro di lavoratori del settore sanitario, e militanti di Pap (Potere al Popolo, ndr) e della Casa del Popolo. Confrontandoci, è venuta fuori l’esigenza di fare incrociare i bisogni di base delle persone con una risposta immediata e gratuita rivolta soprattutto a chi per diverse ragioni, (costi, attese ecc.) rinuncia a curarsi o curarsi bene. Lo sportello ha una doppia valenza: attraverso questa forma di mutualismo intercettiamo le problematiche e le mancanze per poi sottoporle all’attenzione delle istituzioni».

Quante sono ad oggi le persone che hanno già usufruito del servizio?

«Si sono avvicinate diverse persone anche solo per chiedere informazioni. Siamo partiti da meno di un mese e siamo in fase di costruzione».

L’iniziativa è stata resa possibile anche da una rete di lavoratori. Quanto è importante oggi “fare rete” in nome della solidarietà?

«Sì, operatori socio sanitari, un medico di medicina generale e abbiamo la possibilità di avvalerci della collaborazione di alcuni specialisti, che offrono gratuitamente il loro tempo per delle consulenze. Uno dei punti, fondamentale per noi, che proviamo a mettere in pratica è proprio la necessità di costruire una rete».

Avete altre iniziative sociali in programma?

«Sì, alcune già attive come lo sportello legale e il laboratorio per bimbi mentre è in programma la mostra fotografica e, in più, lo spazio è disponibile per eventuali attività da programmare».

Solidarietà chiama solidarietà: avete riscosso un ottimo successo per la raccolta fondi indetta da una cittadina per l’acquisto di un lettino…

«Diciamo che la pratica mutualistica ci permette di fare proprio questo: mettere delle forze in circolo e cercare di ridistribuirle. Vedere le persone “donare”, così, di questi tempi soprattutto, forse è stata la cosa più bella. È stato raccolto più di quel che serviva, cioè hanno continuato a donare nonostante si vedesse che la cifra era stata raggiunta. I soldi saranno sbloccati tra poco da Facebook e ovviamente sarà rendicontato tutto».

Quanto è difficile oggi mandare avanti un ambulatorio sociale contando solo sulle vostre forze?

«Se non ti dicessi che è difficile sarei ipocrita, però pensiamo anche che sia possibile e soprattutto necessario proprio per evidenziare ciò che non va. I progetti alla casa del Popolo ad oggi, compreso lo sportello sono tutti autofinanziati, e soprattutto vanno avanti grazie al tempo (cosa preziosissima) che le persone, non solo militanti, dedicano ai progetti».

Ci sono strumenti e macchinari di cui avete bisogno? Volete lanciare un appello?

«Diciamo che se qualcuno ha materiale che non usa più come traverse monouso, pannoloni, garze, cerotti… Tutto quello che può servire all’assistenza di base noi lo prendiamo, poi per i macchinari o altri capiamo man mano, ora stiamo valutando di voler prendere una bilancia da mettere a disposizione di una nutrizionista con cui siamo in contatto. Vogliamo stare anche attenti a non sprecare le cose e renderle funzionali cioè utilizzarle».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...