Salerno, inizia la festa! Ecco l’Universiade 2019

di Marta Naddei

L’Universiade di Salerno è iniziata. Con le prime partite di calcio, disputate allo stadio Arechi (le azzurrine di Jacopo Leandri sono uscite sconfitte dalla sfida inaugurale contro il Giappone per 2 a 1 mentre i ragazzi guidati da Daniele Arrigoni hanno regolato, per 2 a 0, il Messico), rimesso a nuovo per l’occasione, la competizione mondiale che coinvolge gli studenti universitari provenienti da 124 paesi, ha preso il via proprio dalla città di Salerno.

Diciotto sport, 222 gare in programma, 8000 partecipanti: numeri impressionanti quelli della trentesima edizione della manifestazione sportiva biennale dedicata ai giovani talenti dello sport. Si tratta, cifre alla mano, del secondo evento sportivo più seguito per importanza e numero di partecipanti dopo le classiche Olimpiadi a cadenza quadriennale.

L’Universiade 2019, dunque, rappresenta una vetrina per Napoli – città ospitante – e per tutto il resto della Campania che sarà comunque parte integrante dell’evento, fino al prossimo 14 luglio, data della cerimonia di chiusura che si terrà nel capoluogo di regione, così come accaduto per la manifestazione di apertura del 3 luglio, andata in scena in un riqualificato stadio San Paolo, alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Ad aprire le danze, dunque, il 2 luglio sono state Salerno e la sua provincia con le prime gare in programma: diversi sono i comuni del Salernitano, infatti, che saranno interessati dalle attività sportive dei circa 10 giorni di gare. Da Baronissi a Cava de’ Tirreni passando per Eboli, Fisciano, Mercato San Severino, Nocera Inferiore, Pagani fino a finire a Pellezzano e Sarno. Nello specifico, lo stadio Lamberti di Cava de’ Tirreni ospiterà una gara. Allenamenti negli stadi di Sarno, Nocera, Eboli e Pagani.

Al Pala Sele di Eboli, inoltre, avrà luogo la finale del torneo di pallavolo, mentre al PalaUnisa, a Baronissi, si svolgeranno allenamenti e gare di scherma. Non solo gare, però: la provincia di Salerno sarà anche “base” per numerosi atleti provenienti da tutto il mondo. Non solo per quel che concerne le strutture ricettive ma anche per quanto riguarda il campus di Fisciano che ospita oltre mille partecipanti che hanno, simbolicamente, raccolto il testimone degli studenti universitari dell’ateneo salernitano.

Lo scorso 29 giugno, la cerimonia di accensione della fiaccola a Salerno prima dell’ultimo viaggio verso Napoli: dodici i tedofori d’eccezione che hanno portato la torcia lungo il tragitto da piazza della Concordia fino al palco allestito a Santa Teresa: la saltatrice Antonietta Di Martino, gli arcieri Massimiliano e Claudia Mandia, le giocatrici di pallamano Antonella Coppola e Pina Napoletano, gli schermidori Rosanna Pagano, Michele Gallo, Claudia Memoli e Rosario Ruggiero. Tra i non sportivi, poi, cu sono stati il consigliere comunale Ermanno Guerra, la responsabile organizzativa delle Universiadi Annapaola Voto e lo sport operation manager della manifestazione, l’olimpionico di canottaggio, Davide Tizzano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...