L’Universiade 2019 si tinge d’azzurro Volley: oro e argento; calcio di bronzo

di Giovanna Naddeo

Calato il sipario sulla trentesima olimpiade universitaria, è tempo di tirare le somme di questi dodici giorni ricchi di sport ed entusiasmo. Medagliere da record per i giovani Azzurri dell’Universiade 2019, collocandosi al sesto posto nel medagliere di questa edizione campana: 15 gli ori (l’ultimo arrivato in extremis dalla pallanuoto maschile nell’ultima gara in calendario), 13 gli argenti e 16 i bronzi, per un totale di 44 medaglie.

Avevamo fatto di meglio soltanto nella prima edizione, quella di Torino 1959, quella “inventata” da Primo Nebiolo. Ma allora i Paesi partecipanti erano meno della metà. A un certo punto del cammino siamo stati anche quarti, ma poi Corea del Sud e Russia hanno accelerato. Il Giappone ha dato una lezione a tutti, preparandosi in tutte le discipline. Un Paese, il Giappone, in cui la connessione fra sport e università è una delle basi del sistema.

La prima medaglia d’oro in assoluto del team azzurro è arrivata proprio dalle pedane della scherma dell’Università di Salerno, grazie a una strepitosa Erica Cipressa, fiorettista veneta delle Fiamme Oro. La stessa Cipressa è riuscita a conquistare anche l’oro nel fioretto a squadre, insieme alle compagne Camilla Mancini e Martina Sinigalia. In generale, la scherma non molla mai: è stata ancora una volta la disciplina più prodiga di medaglie con cinque ori, seguita dall’atletica e dalle sue quattro vittorie. Dal calcio maschile arriva una medaglia di bronzo, con la truppa di Arrigoni che dopo la sconfitta ai rigori contro il Giappone in semifinale, ha conquistato, allo stadio Arechi di Salerno, il terzo gradino del podio, superando la Russia sempre al confronto dagli 11 metri.

Grandi soddisfazioni anche dal Palasele di Eboli dove si sono disputate le competizioni di pallavolo femminile e maschile. Le Azzurre di coach Marco Paglialunga hanno visto sfumare il sogno d’oro firmato Universiade 2019. Le ragazze non sono riuscite a battere la Russia nella tanto attesa finale, dopo un lungo ed estenuante testa a testa, punto dopo punto. Nulla da fare per le Azzurre che hanno portato a casa l’argento, uscendo sicuramente a testa alta dalla competizione dopo partite ricche di emozioni. Sul terzo gradino del podio, invece, il Giappone.

Meglio gli Azzurri di coach Gianluca Graziosi che, dopo cinque lunghi set, sono riusciti a imporsi sulla Polonia, chiudendo la questione sul 3-2. Una partita ricca di colpi di scena quella disputatosi lo scorso sabato sera e incorniciata da bandiere polacche e italiane. Entrambe le nazionali, nonostante la stanchezza dopo oltre due ore di partita, hanno lottato a lungo per l’oro, battendo con la massima potenza. Eppure alla fine il sogno azzurro è diventato realtà: l’Italia del volley maschile salta sul gradino più alto del podio per mordere l’oro. Nella mattinata di domenica l’ultimo successo azzurro: nella cornice della piscina Scandone di Napoli, il Settebello guidato da Alberto Angelini batte con il punteggio di 18-7 gli Stati Uniti, vincendo così la medaglia d’oro.

Un successo che impreziosisce lo score dei nostri portacolori nella kermesse giunta ormai al termine. Le prossime Universiadi si terranno a Chengdu, in Cina, nel 2021.

Rispondi