Aeroporto, il Cilento rivendica un posto nella denominazione

di Andrea Pellegrino

Arriva anche la Lega sulla proposta di arricchire la denominazione dell’aeroporto “Costa d’Amalfi” con la dicitura Cilento. L’ultima di una lunghissima serie sottoposta negli anni all’attenzione degli enti gestori. Da tempo in campo ci sono i sindaci della zona e soprattutto il presidente del parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Tommaso Pellegrino.

Si parte da lontano, almeno dal 2014, per arrivare all’ultima delibera del parco nazionale del Cilento, Alburni e Vallo di Diano. Una battaglia stroncata, anche di recente, dal governatore della Campania Vincenzo De Luca: «Aeroporto Cilento? E poi aggiungiamo Vallo di Diano, Valle dell’Irno, Caselle in Pittari, Golfo di Policastro. Poi arriveranno quelli di Nocera – la risposta ironica del presidente della Regione Campania alle ultime richieste – Mi appassiona di più l’idea di rendere lo scalo accessibile da ogni parte della provincia entro 30 minuti».

Solo giovedì scorso l’eurodeputata salernitana leghista Lucia Vuolo ha ripreso l’iniziativa, cavalcando la polemica: «E’ una parola certo, ma che rappresenta il vedersi riconosciuta una posizione non secondaria alla Divina Costiera Amalfitana». Poi l’accusa: «Leggo che il presidente De Luca, dando dimostrazione di scarsa sensibilità, ha mosso problemi di campanile prima e priorità poi. Io, dopo un attento ascolto, trovo semplice e allo stesso tempo straordinario, legare l’Aeroporto di Salerno non solo alla “Divina” ma anche al “Cilento” – spiega Lucia Vuolo. Sono certa che le infrastrutture siano indispensabili, ma De Luca non perda di vista che stiamo parlando sempre di opere che devono essere commisurate anche alle richieste del territorio. E allora – conclude Vuolo – lo faccia senza indugio. Ascolti il territorio. E’ giusto puntare su nuove infrastrutture di collegamento e interscambio, ma non è possibile dimenticare il Cilento e la sua costa».

Ben venga il supporto della Lega in una battaglia che, per il presidente del Parco nazionale del Cilento e sindaco di Sassano, non «ha colori politici». Anzi Tommaso Pellegrino incalza: «La motivazione per cui si nega la nuova dicitura deve essere concreta», riferendosi alle ultime parole di Vincenzo De Luca. «Il Cilento al pari della Costiera Amalfitana è una costa di questa provincia – spiega Pellegrino – ed ha dalla sua una territorio straordinario che merita la giusta valorizzazione. Il Cilento non deve essere più bello ed impossibile ma bello ed accessibile. La nostra proposta non ha nessuna bandiera politica, anzi deve essere motivo di orgoglio per queste comunità. Chiunque dica no deve spiegare bene i motivi del diniego».

Pino Palmieri, sindaco di Roscigno: «Il Cilento e tutte le sue aree interne sono un territorio già dimenticato da molto tempo e si continua a caratterizzare per le chiusure e la riduzione dei servizi. Almeno la Regione Campania ci dia questo riconoscimento per dare un segnale che esistiamo».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...