Banana bread

di Roberta Memoli

Il banana bread è un dolce americano molto conosciuto ed apprezzato. La ricetta pare sia nata, in America appunto, negli anni Trenta in seguito alla Grande Depressione per riciclare e riutilizzare gli avanzi come ad esempio le banane troppo mature. Fu un successo, come spesso capita per i piatti di riciclo, tanto che oggi esiste addirittura il Banana Bread Day, che si festeggia il 23 Febbraio. In realtà è un morbido plumcake, ricco e profumato, che io ho personalizzato con gocce di cioccolato fondente. Prepariamolo insieme.

Ingredienti

  • 4 banane mature (circa 400 gr)
  • 220 gr farina 00
  • 120 gr burro
  • 120 gr zucchero
  • 90 gr gocce di cioccolato
  • 3 uova
  • ½ cucchiaino di cannella
  • una bustina di lievito per dolci
  • succo di limone q.b.
  • un pizzico di sale fino

Preparazione. Sbucciamo le banane e tagliamole a rondelle. Mettiamole in una ciotola con 2 cucchiai di succo di limone per evitare che anneriscano. Schiacciamole con una forchetta e lasciamole da parte. In un’altra ciotola lavoriamo il burro morbido con lo zucchero e, appena il composto sarà omogeneo aggiungiamo le uova, il pizzico di sale, la cannella, la purea di banane e le gocce di cioccolato. Mescoliamo con una leccapentole e uniamo la farina setacciata con il lievito. Versiamo l’impasto nello stampo da plumcake e cuociamo in forno statico preriscaldato a 180° per circa 50 minuti. Facciamo sempre la prova stecchino a fine cottura, lasciamo raffreddare e sformiamolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.