La caduta delle Stelle

di Andrea Pellegrino

Più che la caduta di un partito (considerato che non lo è), quel che sta accadendo all’interno del Movimento 5 Stelle è la caduta di un sogno politico. I dati dall’Umbria disegnano un movimento sempre più in affanno, forse per colpa dell’accordo con il Partito democratico, forse anche no. D’altronde già all’epoca del Conte I, i Cinque Stelle avevano perso quell’originario feeling con i propri elettori. Certo è che movimenti come questi, al governo, più che guadagnare ci perdono, almeno nell’immediato. Il 7 per cento dell’Umbria è pesante e, secondo il trend nazionale, forse si sarebbe distaccato di poco, nel caso di una corsa solitaria del Movimento, senza, dunque, abbracciarsi la croce del Partito democratico. 

Quel che è venuto meno è il sogno. O meglio la speranza. Sogni e speranze che non si sono tramutati in azioni, dopo aver contenuto la rabbia dei cittadini durante le ultime elezioni. Sostanzialmente il Movimento 5 Stelle non ha cambiato pelle, pur volendo diventare grande. La lotta è una cosa, il governo un’altra. Quest’ultimo impone un protocollo, contatti, pensieri ed azioni ben distanti da un impulsivo post su Facebook o sul Blog delle Stelle. Ad oggi manca anche un leader forte, con il premier Conte più propenso verso la linea dem che quella pentastellata.  In questi dieci anni da Movimento si doveva passare a partito anche se non nel senso letterale della parola. Il caso Salerno è emblematico e dimostra tutto il distacco che c’è tra il movimento (che in città ha battuto perfino la corazzata deluchiana alle ultime elezioni politiche) e la gente.

Poca presenza sul territorio, poca presenza sulle questioni più spicciole che interessano l’elettorato di queste parti. Alcuni sono più impegnati in questioni nazionali e internazionali che a coltivarsi il proprio collegio. Paradossalmente è quasi più complesso comunicare con loro che con i deputati della vecchia scuola. Questo pesa a lungo andare, dopo l’entusiasmo iniziale, spinto dalla protesta e dall’emozione. Alla prova dei fatti ci vuole concretezza ed una organizzazione che davvero applichi quella rappresentatività imposta dalla nostra democrazia e dalla nostra Costituzione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.