Dietro front di Maresca. Al centro destra resta Caldoro

‘’Il mio impegno nelle istituzioni già c’è ed è quello di continuare a fare il magistrato“, è quanto ha dichiarato il pm anticamorra Catello Maresca in esclusiva al sito la VocediNapoli.it su un’eventuale candidatura alle regionali.

L’idea di Maresca era quella di scendere in campo con una coalizione civica, senza essere identificato in nessun partito né simbolo ad essi collegati. Concetto che poco si sposa con la politica del centro destra. Ma sembrerebbe che il reale motivo sia da collegare ad una divisione in seno al partito di Forza Italia proprio sul nome di Maresca.

Il partito di Berlusconi a cui spetta l’indicazione del candidato presidente, aveva già indicato ben prima della pandemia l’ex governatore Stefano Caldoro, che resta in poleposition come candidato da opporre al Governatore Vincenzo De Luca. I forzisti campani tra cui il consigliere regionale Cesaro ed il coordinatore De Siano non avrebbero appoggiato la candidatura di Maresca che invece era vista di buon grado da Mara Carfagna. Alla luce di questi nuovi avvenimenti il magistrato fa un passo indietro e continuerà la sua carriera giudiziaria, ma le divisioni e le indecisioni del centro destra destano non poche preoccupazioni e alimentano nuovi e vecchi interrogativi, mentre il tempo scorre.

.

Rispondi