TRENT’ANNI DI MARCO MASINI

di Antonio Sica

Da Bella Stronza a L’uomo volante passando per T’innamorerai; sono trent’anni che Marco Masini fa da colonna sonora alle nostre vite regalando emozioni e colori ai nostri ricordi. Un artista capace di raccontare il mondo senza retorica, con un linguaggio estremamente diretto ed espressivo unito ad una sensibilità toccante ed empatica, che arriva dritta al cuore delle persone. Il miglior modo, ovviamente, per spegnere le 30 candeline è quello di tornare a fare buona musica e regalare un nuovo disco alla nostra penisola. Effettivamente, l’album c’è e si chiama MASINI +1, 30TH ANNIVERSARY e contiene 15 grandi successi dell’artista reinterpretati con colleghi e amici e 4 brani inediti, tra cui il singolo presentato all’ultimo Festival di Sanremo, Il confronto. “È stato un regalo che tanti amici mi hanno fatto e credo che sia qualcosa di importante sotto tanti aspetti. Innanzitutto quello professionale ma non per ultimo quello umano. – spiega il cantautore toscano – Con alcuni di loro sono amico da tanto tempo, ho condiviso questo percorso ed è bello vedere che al di là dei valori musicali e professionali c’è l’amicizia che lega tutti in un qualcosa di unico”. E quando gli si chiede di ricordare un particolare momento della sua carriera, lui risponde così: “In trent’anni di musica è difficile ricordare un solo aneddoto, hai vissuto momenti talmente belli e talmente difficili che ogni scalino che tu hai fatto è sempre stato uno sforzo, un sacrificio e un grande impegno. Tutte le persone che hanno fatto parte del mio percorso hanno creato qualcosa così forte tale da potermi fare arrivare a festeggiare questo traguardo. Per questo ringrazio tutti”. E difatti, come qualsiasi vita e carriera, Marco ha avuto diversi alti e bassi che lo hanno portato più volte ad annunciare un ipotetico abbandono delle scene. Per fortuna per le sorti della musica italiana, però, ha sempre ritrovato la passione e l’amore che dopo tutto, come ben sappiamo, è il motore della nostra vita: “è stata sempre la musica a riaccendere il cuore senza bisogno di defibrillatori virtuali. Per questo ho cercato di non mollare mai anche in quei momenti dove ho avuto un calo di pressione”. Eppure questi momenti di turbamento e incertezza sono stati quelli più incisivi per la carriera di Masini, che ha saputo trarre ispirazione e coraggio dalle cadute trovando sempre la luce in fondo al tunnel. Non a caso da queste crisi personali e professionali è uscito fuori uno dei più grandi successi dell’artista, Vaffanculo: “ le canzoni sono figlie del tempo, oggi credo che ci sia bisogno di più freddezza e riflessione di fronte a tante cose che ci hanno destabilizzato sia a livello politico sia a livello sociale credo che se andiamo avanti a v*********o non si possa andare lontano. E allora è più giusto cercare risposte con coesione, spirito sociale e calma perché solo così si può venir fuori da situazioni difficili”.

Annunci

Rispondi