Obbligo di dimora per Di Martino, revocati i domiciliari

Revocati i domiciliari al sindaco di Praiano Giovanni Di Martino. Per lui è scattato l’obbligo di dimora nel suo comune. La decisione al termine dell’interrogatorio di garanzia che si è svolto questa mattina alla presenza dell’avvocato Antonio Zecca, difensore del primo cittadino di Praiano, arrestato dagli uomini della squadra mobile di Salerno, davanti ad un bar del centro cittadino, dopo aver intascato la somma di 250 euro in contanti, ricevuta da un amministratore di condominio che nei giorni precedenti aveva raccontato agli inquirenti la richiesta di Di Martino per agevolare una pratica. Nel corso dell’interrogatorio di garanzia la difesa avrebbe fatto valere la sua linea, portando elementi utili alle indagini e a favore del primo cittadino di Praiano. Cambia anche la formulazione del reato: si passa dalla concussione all’induzione indebita. Da poche ore sono stati revocati i domiciliari per Giovanni Di Martino che fino a ulteriori indagini non potrà soggiornare nel territorio di Praiano. L’inchiesta è coordinata dal pm D’Alitto della Procura della Repubblica di Salerno che ha disposto, così come richiesto dalla difesa, un approfondimento delle indagini.

Rispondi