La Cna di Salerno ottiene una risposta dalla Motorizzazione Civile

Ha ottenuto una risposta tempestiva alla richiesta di riavviare le procedure di collaudo degli automezzi, la Cna di Salerno. La Motorizzazione Civile ha, infatti, fornito precise rassicurazioni rispetto alle preoccupazioni racchiuse nella nota ufficiale sottoscritta dal Presidente degli Autoriparatori, Giuseppe Bacco e del coordinatore Antonio D’Ambrosio che, a nome di tutti gli associati, avevano chiesto alla Motorizzazione Civile e al Ministero dei Trasporti di rimettersi in moto, a causa della preoccupante fase di stallo registrata nel settore. In particolare, nella lettera, la CNA di Salerno aveva rimarcato che “la mancata ripresa delle sedute di collaudo, genera effetti gravosi: incide, innanzitutto, sulla sicurezza stradale, crea un blocco nella vendita e nella consegna dei veicoli sottoposti ad aggiornamenti della Carta di Circolazione, ostacola la ripartenza delle aziende allestitrici, frena le aziende che necessitano di veicoli speciali per lavorare, impedisce a coloro che hanno un handicap fisico di poter utilizzare il proprio veicolo adattato per i propri spostamenti”.  La Motorizzazione, come dicevamo, ha prontamente risposto, informando la categoria che: le sedute esterne pomeridiane ex L. 870 sono riprese dalla scorsa settimana (fine maggio), come pure quelle mattutine del sabato ed anche quelle relative alla installazione di adattamenti alla guida per disabili- aggiungendo che – al più presto, fermo restando le limitazioni e la predisposizione delle procedure necessarie per il rispetto delle prescrizioni di natura epidemiologica, riprenderanno anche le sedute per le altre visite e prova (c.d.”collaudi”) ai sensi dell’art.75 e 78 del C.D.S..”
 A riguardo, la CNA ha voluto fornire anche delle utili linee guida in materia anti covid per le attività dei collaudi così da non far registrare ulteriori lungaggini di tempo dovute agli adeguamenti delle attività della Motorizzazione rispetto ai Protocolli Sicurezza che si devono adottare in questo periodo di emergenza coronavirus.
“Da parte nostra c’è tutta la volontà e l’impegno per recuperare il fermo assoluto del lockdown e– ha dichiarato Giuseppe Bacco – non possiamo più permetterci di perdere ulteriore e prezioso tempo in questa fase fondamentale per la nostra ripartenza”.
 Nello scambio di email che si sono susseguite tra la Motorizzazione e l’Associazione di Categoria dell’Artigianato, gli uffici della Motorizzazione hanno manifestato la piena solidarietà al lavoro dei piccoli artigiani del settore dell’autoriparazione rimarcando l’auspicio del progressivo ridursi dei disagi dovuti al fermo e al rallentamento delle attività di collaudo e controlli vari.
 La CNA è in prima linea anche nel capitolo dei Centri di Revisione: su questo fronte è da tempo attivo un dialogo, a livello nazionale, con il Ministero dei Trasporti per riavviare il settore a livello lavorativo e contrastare il fermo delle attività dovute alla proroga ad ottobre.

Rispondi