CORONAVIRUS: Nuovo focolaio a Mondragone (Caserta). Istituita zona rossa

Un cordone sanitario è stato predisposto intorno all’Area Cirio di Mondragone (Caserta), nella quale oggi sono emersi nuovi casi positivi al coronavirus, asintomatici, che vanno ad aggiungersi ai due già accertati, una donna e un uomo di nazionalità bulgara. La decisione è stata presa pochi minuti fa al termine di un vertice tenutosi in prefettura a Caserta, presenti lo stesso sindaco Pacifico, il prefetto Raffaele Ruberto,la Questura, il Comando generale dei Carabinieri, la Provincia di Caserta, l’Asl e l’Unità di crisi regionale.
“Tenuto conto delle condizioni di asintomaticità rilevata nei soggetti risultati positivi e del grado di diffusione dell’infezione in una porzione della popolazione residente in quell’area”, fa sapere il sindaco di Mondragone, si è deciso di “predisporre un ‘cordone sanitario’, in via precauzionale, intorno all’Area Cirio, al fine di scongiurare ulteriori contagi a tutela della salute della nostra intera comunità. Saranno in seguito comunicati, in collaborazione con l’Unità di crisi regionale, ulteriori valutazioni ed eventuali nuove decisioni per gli aspetti di propria competenza”, conclude Pacifico.
Sono sette i giorni, al momento, di isolamento per il complesso residenziale delimitato da new jersey in cemento e transenne.

I casi al momento sono nove, otto delle quali domiciliate nei palazzi Cirio. Ai due casi diagnosticati tra sabato e domenica all’ospedale di Sessa Aurunca, una donna che aveva appena partorito un bambino ed un uomo residenti in via Como, si aggiungono i sette positivi resi noti oggi in base all’esito dei 70 tamponi eseguiti ieri pomeriggio sui residenti nel palazzo dove abita la donna e in via Como. Il dato sembra destinato a crescere.

Seguiranno aggiornamenti.

Rispondi