Parlamento: Sgarbi show e Mara Carfagna lo caccia

“Lei non può insultare i suoi colleghi, non può continuare a pronunciare parolacce in questa aula. Lei ha scambiato questa aula per uno spettacolo”, con queste parole Mara Carfagna, vicepresidente della Camera di turno, sospende i lavori alla Camera e invita Sgarbi a lasciare l’emiciclo di Montecitorio.

LA VICENDA
Ad accendere il clima a Montecitorio la discussione sul decreto legge DI Carceri. Temi all’ordine del giorno, intercettazioni, scarcerazioni e l’app Immuni. Tutto nasce dall’intervento di Vittorio Sgarbi, del gruppo misto, che, come ci ha abituato da sempre, ha utilizzato parole dure nei confronti della magistratura in relazione al caso Palamara. Nel suo intervento, il critico d’arte, ha definito le toghe “mafiose” e ha chiesto a gran voce una commissione d’inchiesta parlamentare sulla vicenda da lui denominata “Palamaropoli”.

LE OFFESE A MARA CARFAGNA E A GIUSI BARTOLOZZI.
Dopo il suo intervento, la Vice Presidente Mara Carfagna lo aveva già invitato a moderare i termini, ma la situazione è degenerata nel momento in cui a stigmatizzare le parole di un furente Sgarbi, è stata la azzurra (nonchè magistrato) Giusi Bartolozzi. A questo punto Sgarbi ha replicato, lasciandosi andare a parole offensive nei confronti della collega e della Vice Presidente. Carfagna è nuovamente intervenuta, fino a espellere dall’Aula Sgarbi.

Rispondi