Alessandro Mucciolo nominato coordinatore Forza Italia Giovani di Pontecagnano Faiano

Forza Italia Giovani ri-parte a Pontecagnano Faiano e lo fa con la nomina a coordinatore cittadino del giovane Alessandro Mucciolo.
La nomina arriva direttamente dal coordinatore regionale Michele Vitiello e sancisce la volontà, ormai espressa anche a livello nazionale, da parte di Forza Italia di dare il via ad un periodo di rinascita che parta proprio dai giovani.
“Voglio ringraziare innanzi tutto il partito che ha avuto fiducia in me ed il coordinatore cittadino Guido Pappalardo che ha subito dimostrato la sua disponibilità accogliendo con piacere la mia nomina e ha subito accolto con entusiasmo e partecipazione la nascita di Forza Italia Giovani sul territorio di Pontecagnano Faiano”. Queste le prime dichiarazioni di Alessandro Mucciolo che continua, ” questa nomina mi dà l’onore ma soprattutto l’onere di rappresentare il mio territorio e lavorerò per coinvolgere i giovani all’interno della politica perchè sono loro la più grande risorsa del nostro paese. Forza Italia si ispira a valori liberali, democratici e cattolici ed è con questo spirito che lavorerò senza sosta al servizio di tutti”.

Alessandro Mucciolo si è da sempre contraddistinto per il suo impegno civico e associazionistico proponendosi come punto di riferimento per l’universo giovanile. Classe ’98, dopo un maturità classica sta conseguendo la laurea in Scienze motorie. Educatore decennale nel suo oratorio di appartenenza, il Virtus Nova, dal 2016 ha intrapreso un percorso nell’ambito dell’autismo formandosi come tecnico del comportamento. Non solo volontariato e formazioni ma anche impegno politico come vice coordinatore del Forum dei Giovani cittadino.
Tale nomina è stata accolta con entusiasmo e soddisfazione anche dal gruppo consiliare di Pontecagnano Faiano composto da Francesco Pastore e Gianfranco Ferro. Per quest’ultimo possiamo parlare di un ritorno alle origini essendo stato coordinatore provinciale nonché cittadino proprio di Forza Italia Giovani.
Una tradizione che si tramanda alle nuove generazioni che solo con l’impegno e la determinazione potranno crescere politicamente e diventare la nuova classe dirigente, non solo a livello locale.

Rispondi