Dante Santoro al fianco dei lavoratori della Provincia: “Non vanno discriminati”

Il consigliere Provinciale Dante Santoro appoggia le giuste richieste dei dipendenti della Provincia di Salerno riguardanti i tagli subiti sulle retribuzioni in seguito alla chiusura degli uffici a causa delle misure di prevenzione anti-covid.

Nell’ambito della delegazione trattante di parte pubblica e le OO.SS. con la RSU, riunitasi lo scorso

26 giugno presso la Sala Giunta di Palazzo Sant’Agostino per discutere sul regolamento sullo Smart Working, la parte pubblica non ha voluto riconoscere, contrariamente a tante Amministrazioni in varie parti d’Italia (Comune di Salerno in primis), nè i buoni pasto, nè alcuna indennità di condizioni di lavoro.

Risulta inaccettabile la decisione dell’Amministrazione Provinciale di non voler riconoscere le indennità, non solo già stanziate per i dipendenti, ma che andrebbero anche a coprire le spese da loro stessi sostenute in un periodo così delicato. C’è da sottolineare, infatti, la disponibilità dei lavoratori, che hanno offerto attraverso l’utilizzo non solo di proprie dotazioni informatiche, ma soprattutto con spese a loro carico.

In merito a questa problematica il consigliere Santoro da la sua completa disponibilità ad appoggiare tutte quelle iniziative che verranno intraprese dai dipendenti al fine di evitare quelle che risultano ingiuste perdite economiche, che andrebbero ad incidere in maniera rilevante su tante famiglie, ancor più in un in un periodo storico di grandi difficoltà.

Rispondi