Pallanuoto, clamoroso a Pescara: società rinuncia all’iscrizione “Pesa silenzio della Regione su futuro impianti”

La società abruzzese ha comunicato la decisione attraverso il sito ufficiale. Pesa il silenzio della Regione Abruzzo sul futuro delle piscine Le Naiadi

Clamoroso a Pescara. La società cara alla presidentessa Marinelli ha rinunciato all’iscrizione per il prossimo campionato di A2. La decisione, per certi versi sorprendente, nasce a seguito del silenzio, spiega la società, dell’ente regionale, in merito al rinnovo della gestione dell’impianto natatorio locale.

La Pescara Pallanuoto comunica, con grande dispiacere, di non essersi iscritta al prossimo campionato nazionale di serie A-2 maschile, il cui termine ultimo era in scadenza per oggi, 10 luglio 2020, alle ore 12.

A pesare sulla decisione del club guidato da Cristiana Marinelli è stato il silenzio della Regione Abruzzo circa il futuro delle piscine Le Naiadi, il cui contratto con l’attuale gestione (di cui anche la Pescara Pallanuoto fa parte), è in scadenza al 31 luglio 2020.

Nonostante le ripetute richieste, scritte e orali, inviate all’Ente nelle ultime settimane, nessuna risposta è stata fornita. Pertanto, senza le dovute garanzie per poter programmare una stagione sportiva dispendiosa sia sotto il profilo economico che mentale, il Club biancazzurro, dopo aver aspettato fino all’ultimo non ha avuto altra scelta che rinunciare.

La Pescara Pallanuoto resta comunque alla finestra per conoscere e valutare eventuali sviluppi, qualora ce ne saranno, con l’unica certezza che il futuro del Club rimane strettamente legato a quello delle piscine Le Naiadi.

Annunci

Rispondi