Salernitana, ora o mai più Una vittoria per blindare i play-off

di Matteo Maiorano

Quella di venerdì non sarà una partita come le altre. No, perché la Salernitana vista all’opera allo Scida lascia più di una ventata di ottimismo all’ambiente sportivo granata. Al di là del punto maturato, la squadra ha dato un chiaro segnale di continuità, sottolineato ancor di più dagli assist lanciati da una concorrenza che fa registrare molti passi falsi, per certi versi imprevisti. In questo senso la partita dell’Arechi potrebbe rivelarsi concretamente decisiva per le sorti della stagione e dell’intero ciclo Lotito-Mezzaroma. Rilanciare un progetto che da anni vive di punti interrogativi e dai risultati quantomai discutibili, dar finalmente voce alle aspirazioni della piazza e scavare il decisivo solco tra sé e le prime inseguitrici: queste e altre le motivazioni che soggiacciono alla partita di venerdì.

QUI EMPOLI – Sponda Empoli Pasquale Marino dovrà fare a meno degli squalificati Fiammozzi ed Henderson: il terzino destro, arrivato in prestito dal Lecce a gennaio, ha rimediato il doppio giallo nella debacle casalinga degli Azzurri contro l’Entella. In luogo del laterale il tecnico toscano potrebbe pensare di affidare la fascia al giovane classe ’97 Simone Pinna, come successo nella trasferta di Pescara, ma non è esclusa la candidatura del rientrante Gazzola, il quale sta collezionando minutaggio dopo l’operazione al tendine d’Achille. Il secondo indisponibile sulla lista è il centrocampista scozzese, di proprietà del Verona, Liam Henderson. Schierato in mediana nelle ultime uscite stagionali, sarà probabilmente sostituito dal rientrante Ricci, in ballottaggio con Stulac per un posto nell’undici iniziale.

Il confronto tra Leonardo Mancuso e Milan Djuric, i bomber delle due squadre

SPONDA GRANATA – Dal canto suo Ventura dovrà fare i conti con assenze pesanti. L’ex ct a Crotone ha perso Cristiano Lombardi: il numero 25 ha riportato una lesione di alto grado al muscolo semitendinoso della coscia sinistra. In poche parole, stagione finita. Una batosta che non avrà certo fatto fare i salti di gioia al laterale laziale, che ha già iniziato il percorso di riabilitazione dalla sua Viterbo. “Lavorerò il più duramente possibile per non dover più andare a terra in questo modo! – ha commentato Lombardi attraverso il suo profilo Instagram – Ora tiferò a gran voce per questo splendido gruppo che siamo, per far sì che questa città e questa grande squadra possa giocarsi qualcosa di importante“. Rientra invece in gruppo Alessio Cerci: il fantasista ex Atletico è tornato ad allenarsi con i compagni dopo l’ultimo di una serie infinita di stop, che ha tenuto il numero 7 ai box in occasione delle ultime uscite contro Cittadella e Crotone. Gli esami a cui si è sottoposto Cerci hanno evidenziato un miglioramento delle sue condizioni, in relazione alla distrazione muscolare che ha interessato il calciatore ad Ascoli. Tra i rientri da segnalare anche quello del mediano Patryk Dziczek, il quale ha saltato le ultime partite per via di una contusione. A disposizione anche Pawel Jaroszynski, che dovrebbe prender posto dal primo minuto nella retroguardia ridisegnata da Ventura. Fuori invece Curcio: l’ex Brescia, dopo una serie di prestazioni convincenti, è stato fermato dal giudice sportivo per via del doppio giallo rimediato a Crotone.

Rispondi