Caldoro “Io ho tutelato la costa ed immagino nuovi finanziamenti a Salerno”

“Tutelare la costa campana è proprietà. Oggi sono stato a Caserta. Ho visto il ‘Grande progetto Bandiera blu del Litorale Domitio’ è un’opera realizzata dalla mia amministrazione. 

Ho avviato i lavori e circa 80 milioni di euro di cantieri aperti e risanamento ambientale”. Così Stefano Caldoro, candidato presidente per il centrodestra in Campania che approfitta della vista in Terra di Lavoro per ricordare le cose fatte in Campania, quelle realizzate a Salerno e le altre da fare. 

“In questi ultimi 5 anni invece – dice – abbiamo visto solo inutili master plan, montagne di carte, ritardi e chiacchiere. È questa la verità e chi sostiene il contrario mente. Non c’è solo la Bandiera blu ma anche gli interventi sui Regi Lagni, sui laghi flegrei, sul depuratore di Cuma. 

Ho difeso la costa di Caserta perché è lavoro e sviluppo”.

“Ho fatto lo stesso a Salerno, con il grande progetto per il ripascimento della costa. Ho finanziato – ricorda – un progetto per la protezione dall’erosione costiera del tratto della Provincia di Salerno che va da Salerno ad Agropoli, nell’ambito del POR Campania FESR 2007-2013, un intervento per circa 70 milioni di euro per un fronte di 40 km”.

“Cosa fare adesso? Bisogna monitorare i progetti, subito individuare i ritardi, con procedure rapide a sindaci e soggetti attuatori per accelerare. È necessario – rilancia Caldoro – lavorare a nuovi finanziamenti, per Caserta e Salerno e non solo. Io so come si fa. E lo rifaremo noi dal 21 Settembre con una novità della quale parlerò in questi giorni. C’è da fare un progetto simile nella zona di Torre Annunziata e Torre del Greco, nella intera provincia di Napoli. Perché la costa è ricchezza” 

Rispondi