“Le tre cose che so” – Fabrizio Emigli

di Maria Francesca Troisi

Tra hit tutte uguali, trap e raggaeton, c’è ancora spazio per la raffinata poesia dei cantautori. Fabrizio Emigli canta l’amore, raccontato da sguardi, inquietudini e attese, muovendosi con delicatezza e pudore, in un brano che nulla ha da invidiare ai grandi cantautori italiani del passato.

Quelli con la C maiuscola, per intenderci, che forse non “vanno più di moda”, ma regalano emozioni. In fondo è questo quello che dovremmo ricercare nelle canzoni, e che forse abbiamo dimenticato “per strada”, perdendoci tra “mode”, like e visualizzazioni. Il brano (uscito lo scorso anno) è stato scritto da Emigli; le edizioni sono di Apbeat.

“Passerà questo tempo di attese e giornate mal spese”

Fabrizio Emigli è un interprete, autore e compositore romano. Ha suonato al Folkstudio, locale storico della Capitale, di cui è stato direttore artistico dello spazio giovani per 5 anni. È stato ospite nei concerti di Claudio Baglioni, Sergio Endrigo, Edoardo De Angelis, Mimmo Locasciulli. Per il cinema ha composto i testi in italiano per le canzoni contenute nel film “La sposa cadavere” e “La fabbrica di cioccolato” (di cui ha cantato l’intera colonna sonora).

Ha curato l’adattamento per il testo in italiano del brano “Un valzer per te” per il film “Before Sunset”. Per la Tv ha collaborato con Fabio Fazio (Jeans ‐ Rai 3), Barbara D’Urso (L’altramusica stream), con Rai uno e Antenna Milano (Touch down) e altre collaborazioni con la terza rete Rai.

Ha fondato una rivista letteraria “Mente locale” e associazioni culturali “Sopra c’è gente”; ha interpretato jingles televisivi e radiofonici per Rai e Mediaset, e vinto prestigiosi riconoscimenti, dal “Rino Gaetano” a “Musicultura”. Nel 2017 ha fondato l’etichetta “Sopra c’è gente” con il produttore Fabio Ghignatti; il primo brano realizzato con l’etichetta, “Cantautori per Amatrice” (14 brani di 14 cantautori con un intervento recitato di Alessandro Haber, contributo musicale di Geoff Westley e la collaborazione del chitarrista Phil Palmer), è stato inserito nella cinquina delle migliori opere 2018 al Premio Tenco.

È attualmente direttore artistico di “Sopra c’è gente ‐ Antica Stamperia Rubattino”, location per la musica d’autore, a Roma.

Rispondi