Sostituita la locomotiva della discordia a Pontecagnano Faiano

di Oriana Giraulo
Dopo una lunga trattativa sembra giunta al termina la diatriba tra Mercitalia Rail e i residenti di Pontecagnano Faiano che lamentavano da anni ormai la puzza e l’inquinamento che proveniva dall’utilizzo d una locomotiva classe 1970 utilizzata ancora oggi per lo spostamento merci e che data la sua “anzianità” emana nell’aria polveri altamente inquinanti ed un forte cattivo odore che obbliga i residenti della zona – adiacente la stazione – a chiudersi dentro le proprie abitazioni quando il locomotore è attivo. E sono proprio i residenti della zona (Via Trento, Via Torino e Casa Parilli) guidati dall’avvocato Giuseppe Bisogno a far sentire la propria voce sia interpellando tutti gli enti competenti sia per mezzo stampa. E sembra che un primo grande risultato sia stato raggiunto. Dopo un lungo colloquio intercorso tra gli avvocati di Mercitalia Manuel Ferrante, Diana Lamanna e l’avvocato del comitato nascente a Pontecagnano, Giuseppe Bisogno la pace è stata fatta avendo raggiunto non solo il risultato della sostituzione dell’anziano locomotore ma anche altro.
Infatti, come si legge da una email inviata direttamente da Trenitalia, quest’ultima, pur ribadendo la conformità del mezzo, ha ritenuto opportuno sostituirlo immediatamente con altra locomotiva della tipologia D145, di più recente fabbricazione e si impegna anche ad acquistare un nuovo locomotore diesel di ultima generazione che verrà consegnato entro il primo semestre del 2021 proprio a Pontecagnano. Ma le buone notizie non terminano con la sostituzione del locomotore, infatti, sempre in questa email si legge la volontà di Trenitalia di verificare la sussistenza dei presupposti per l’elettrificazione della radice del raccordo Automar (compresi i 3 binari interni) fino ai binari di precedenza della stazione di Pontecagnano; ciò al fine di eliminare tutte le operazioni di manovra – sia in ingresso che in uscita dal raccordo – con locomotive diesel.Tutto è bene quel che finisce bene, ovviamente il comitato sarà sempre cooperante ma allo stesso tempo vigile affinché tutte le promesse e gli impegni fatti vengano mantenuti.

Rispondi