L’ESODO ESTIVO NON FERMA I CANTIERI

Il già precario sistema viario salernitano messo a dura prova

Criticità in costa d’Amalfi e nel Cilento dove abbondano i sensi unici alternati

di Andrea Bignardi

Non è solo la Salerno-Napoli il Tallone d’Achille di un sistema infrastrutturale, quello salernitano, che purtroppo lascia complessivamente a desiderare, nonostante i numerosi interventi che lo hanno reso comunque più efficiente rispetto a qualche decennio fa. Gli esodi estivi, puntualmente, fanno emergere con prepotenza il problema del traffico intenso, amplificato dalla presenza di un numero di cantieri che difficilmente ha avuto precedenti nel recente passato. Il sistema viario del territorio salernitano sarà messo alla prova dei fatti nel prossimo fine settimana ed alla vigilia del Ferragosto: entrambi weekend per i quali i flussi veicolari sono previsti da “bollino nero”. L’attività di manutenzione è particolarmente vivace soprattutto alla luce del fatto che durante il lockdown, paradossalmente, sono stati sospesi i lavori in buona parte dei cantieri stradali. Criticità, queste ultime, che vengono amplificate, oltre che dall’incremento dei flussi veicolari, anche dalla presenza di un numero difficilmente calcolabile di restringimenti di carreggiata, cantieri, chiusure di tratti di strade che hanno una rilevanza strategica fondamentale sul territorio. Nodo centrale del problema è, indubbiamente, la fittissima rete di strade provinciali, che complessivamente versano nelle condizioni peggiori, nonostante i recenti interventi programmati da Palazzo Sant’Agostino. Un esempio è la Sp 175 (Litoranea), ancora oggi, in piena estate, cantierizzata all’altezza di Magazzeno. Dopo una lunga chiusura, tra novembre e febbraio, finalizzata alle verifiche di sicurezza del ponte sul torrente Asa, ancora oggi si circola, di fatto, solo in un senso di marcia, ovvero verso sud. I veicoli provenienti da Paestum, invece, sono costretti a deviare seguendo un percorso alternativo che li conduce direttamente sulla Strada Provinciale 417 Aversana, anch’essa cantierizzata in località La Picciola. Il risultato è l’aggravarsi del traffico, soprattutto nei giorni festivi, in occasione dei rientri dal mare. Altro problema è rappresentato dai sensi unici alternati regolati da semafori. Nonostante la fine dei lavori per il ripristino delle frane a Cetara e Maiori e l’inizio della stagione estiva, lungo la Statale 163 Amalfitana, si viaggia ancora a senso unico alternato al km 47, poco dopo l’Hotel la Voce del Mare, all’altezza di Marina di Albori. Un cantiere fisso al quale si è aggiunto, per fortuna soltanto nelle ore notturne, il senso unico alternato nel comune di Minori, che sarà in vigore fino al 13 agosto da mezzanotte alle sette del mattino, ad eccezione dei giorni festivi e prefestivi. Oltre al danno anche la beffa per chi voglia raggiungere la Divina dall’Agro. La strada provinciale 2 versa infatti in condizioni ancora molto precarie: nonostante la recente messa in sicurezza di alcuni punti critici nel tratto che va da Corbara al Valico di Chiunzi, occorrerà ancora attendere per la fruibilità del tratto che scende a valle verso Maiori, attraversando numerose frazioni di Tramonti. A Campinola, ad esempio, sono stati realizzati di recente i lavori di rifacimento del manto stradale in seguito alla ricanalizzazione dei reflui verso il nuovo impianto di depurazione di Pucara. Anche in questo caso, i cantieri hanno procurato non pochi disagi alla circolazione veicolare. Bisognerà attendere fino alla fine di settembre, invece, per la partenza dei lavori di messa in sicurezza complessiva della strada, per i quali la Regione Campania, nel novembre del 2018, ha stanziato tre milioni di euro. Ancor più precarie, invece, sono le condizioni della rete viaria nel Cilento e nel Vallo di Diano, anch’esse zone caratterizzate da un notevole incremento di presenze turistiche nel corso della stagione estiva. Anche in questo caso non mancheranno, per l’intero periodo dell’esodo estivo, cantieri che imporranno l’obbligo di circolazione a senso unico alternato regolamentato da semaforo con contestuali restringimenti di carreggiata. Due le situazioni più evidenti e critiche considerando l’importanza delle strade in questione nella gestione dei flussi di autoveicoli che a partire dalle prossime ore saranno diretti verso alcune delle località balneari più gettonate del Cilento e del Golfo di Policastro. Sulla Strada Statale 517 var/Bussentina, ad esempio, per lavori, sin dallo scorso lunedì, fino alla fine del mese di agosto, è attivo il senso unico alternato, regolato da impianto semaforico, lungo l’intero asse stradale (tra Montesano Scalo e Policastro Bussentino), in tratti saltuari. I lavori risultano attivi nella fascia oraria tra le 8.00 e le 17.00, fortunatamente ad esclusione dei giorni festivi e prefestivi. Stessa situazione si verifica anche lungo il tratto cilentano della Statale 18, tra gli svincoli di Omignano e Policastro Bussentino, in entrambe le direzioni.

Rispondi