Covid, Cirielli (FdI) scrive a Conte: “De Luca va commissariato, tutelare l’imparzialità delle elezioni”

“Tra inchieste giudiziarie che vedono coinvolti esponenti di primo piano dell’amministrazione regionale e l’avvio di una campagna elettorale che rischia di essere compromessa dai poteri commissariali in capo al presidente della Giunta Regionale, è assolutamente necessario ed opportuno un intervento diretto da parte del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, al quale chiederò di nominare un commissario neutrale che gestisca l’emergenza sanitaria in Campania”. Lo annuncia, in una nota, il Questore della Camera dei Deputati e presidente della Direzione nazionale di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli: “L’attuale governatore Vincenzo De Luca (ricandidato alle elezioni regionali del prossimo 20 e 21 settembre), in qualità di commissario, sta continuando ad usufruire, in piena campagna elettorale, della recente proroga al 15 ottobre 2020 dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19 e dei relativi termini di legge – adottata dal Consiglio dei Ministri con delibera lo scorso 30 luglio e con la conseguente approvazione del decreto legge 30 luglio 2020, n. 83 – che affida poteri di intervento derogatorio e di spesa ai presidenti delle Regioni senza tenere conto del necessario depotenziamento degli organi di tali enti, in vista dello svolgimento delle elezioni, previsto dall’articolo 3 della legge 17 febbraio 1968, n. 108 nei 45 giorni antecedenti alla data delle stesse. Questo significa che, anche nelle prossime settimane, in assenza di contromisure adeguate, il presidente De Luca si troverà direttamente o indirettamente in una condizione di disparità di trattamento rispetto agli altri aspiranti governatori sotto il profilo amministrativo, politico e mediatico. Per questo – conclude Cirielli – il Governo non può far finta di nulla e deve intervenire d’urgenza per garantire un imparziale svolgimento delle elezioni regionali, nel pieno rispetto delle normative vigenti e in particolare a tutela del libero esercizio del diritto di elettorato attivo e passivo, espressione della sovranità popolare”.

Rispondi