#Racinvacanza, il viaggio virtuale tra le bellezze italiane targato Rotaract Salerno

Pubblicare scatti e descrizioni storiche di bellezze italiane in copertina per arricchire virtualmente di esperienze l’estate del Covid – 19, quella segnata dal turismo di prossimità e dalla riscoperta del fascino dei territori del Belpaese. È stata questa l’essenza dell’iniziativa dal titolo #Racinvacanza messa in campo dal Rotaract Club Salerno presieduto per l’anno rotariano 2020/21 dalla dott.ssa Lidia Concilio. Una vera e propria bacheca virtuale di bellezze anche insolite sta accompagnando quotidianamente i visitatori della pagina Instagram del club salernitano. Il tour virtuale continuerà anche nelle prossime settimane, grazie al contributo dei tantissimi Club Rotaract di tutti i distretti italiani che hanno scelto di aderire all’iniziativa condividendo scatti e descrizioni di peculiarità storiche, paesaggistiche, culturali dei propri territori di riferimento. “Si tratta di un’iniziativa che, nella sua semplicità porta alto quello spirito di collaborazione tra club del territorio che è una delle sfaccettature del nostro motto: servire al di sopra di ogni interesse personale – ha affermato la presidente Concilio – Contiamo nelle prossime settimane di continuare a far viaggiare virtualmente tutti coloro che lo vorranno: ciò nell’ottica sia di conoscere nuovi territori che di sviluppare amicizia e collaborazione tra i club”. Hanno dato adesione ufficiale all’iniziativa, inviando rappresentazioni grafiche e descrizioni storiche delle bellezze i Rotaract Club di Crotone, Milano, Palermo, Pistoia-Montecatini Terme, Genova centro storico, Napoli Nord Est, Napoli (foto di Ischia e Capri)*,  Potenza-Torre Guevara, Alghero,Cagliari Golfo degli Angeli, Palermo Ovest, Tropea, Chieti, Roma Nord, Assisi, Caserta Vanvitelli. Presenti anche le bellezze dell’Alto Jonio (Rac Trebisacce) e di tanti altri territori dai quali arriveranno contributi a vario titolo da parte di altre realtà rotaractiane di riferimento. La pubblicazione è curata dalle socie Emilia Maiorano e Natalia Granito.
Andrea Bignardi

Rispondi