Bonavitacola: “Prima le dinamiche nazionali condizionavano le giunte, con noi è il contrario”

“Per anni le istituzioni sono state lo specchio della dinamica politica nazionale. Queste nascono nel lontano 1970, la prima elezione diretta fu nel 2000. Quest’anno festeggiamo i cinquant’anni dalla fondazione delle regioni”. Così Fulvio Bonavitacola, vice presidente della giunta regionale della Campania nel corso della presentazione della lista “Democratici e Progressisti”.

Per trent’anni abbiamo avuto un’elezione indiretta in cui gli scontri di correnti interne alla Dc determinavano gli equilibri politici – prosegue Bonavitacola – Cambiava una giunta ogni sei mesi, o ogni anno. Abbiamo poi avuto la fase dell’investitura popolare in cui l’esperienza di governo risentiva delle dinamiche nazionali, come fu ai tempi del presidente Bassolino: anche a quei tempi c’era una mediazione politica molto forte. Poi abbiamo avuto il quinquennio de “la trasmissione riprenderà il più presto possibile” (quello di Caldoro), nel quinquennio successivo, quello del presidente, abbiamo fatto cose straordinarie. Ma a differenza delle fasi precedenti nelle quali le dinamiche politiche esterne determinavano gli equilibri, quest’esperienza di coalizione – conclude – grazie all’autonomia del presidente può essere alla base della nascita di un fatto politico, dove un’esperienza può condizionare le dinamiche, a differenza di quello che è accaduto prima”.

Rispondi