Continuano gli incontri con Cammarota e Celano

di Oriana Giraulo
Continuano gli incontri elettorali a Salerno organizzati dall’associazione “La Nostra Libertà”.
L’evento si è tenuto venerdì 11 settembre alle ore 18,00 presso la Piazza di Pastena a Salerno.
Presenti alla manifestazione l’Avv. Antonio Cammarota, capogruppo consiliare La Nostra Libertà e Presidente della Commissione Trasparenza, il dott. Roberto Celano, capogruppo di Forza Italia e candidato alle elezioni regionali e Francesco Vota coordinatore della manifestazione.
Roberto mi ha chiesto di scendere in campo, accanto a lui in questa campagna elettorale. Per me è stata una scelta facile, logica e giusta. Siamo da anni coerenti sul fronte della libertà e della partecipazione contro il potere arrogante di De Luca che ricatta questa gente con logiche di voto di scambio” queste le parole dell’Avv. Cammarota che spiega le motivazioni che lo spingono a scendere in campo accanto al candidato al consiglio regionale Roberto Celano.
” Grazie agli amici della Nostra Libertà, che sostengono la nostra battaglia, difficile ma non ci fa paura. Noi siamo contro ad un sistema oppressivo, vogliamo liberare Salerno, la Campania ed i giovani di questa città che sono mortificati nel merito e che non vogliano piegare la testa a questo sistema” inizia così il breve comizio di Roberto Celano, che parte dalla pandemia per poi soffermarsi sulla gestione fallimentare dei pronto soccorso in Campania e dei rifiuti.
“Il Covid ha dato una grossa mano al Governatore che lo stesso Partito Democratico non voleva candidare tanto da pensare ad un’alleanza con il Movimento 5 Stelle. La pandemia, la comunicazione pagata con i soldi dei cittadini (secondo solo a Trump) e lo show che De Luca è riuscito a mettere in piedi hanno fatto si che tornasse popolare. Questo Governo regionale è un fallimento specie ne campo sanitario con i pronto soccorso allo stremo e degenti in codice rosso che attendono giorni prima di ottenere un letto. Per non parlare del ciclo integrato dei rifiuti, quante promesse non mantenute, e intanto le ecoballe sono ancora qui sul territorio salernitano. Dobbiamo ripartire e lo dobbiamo fare investendo sull’agricoltura e sul turismo”.

Rispondi