Regionali Campania: affluenza intorno al 40%. Mancata misurazione della temperatura.

Di Maria Francesca Troisi

L’ultimo dato ufficiale sulle elezioni in Campania, arrivato dopo le 23, conferma il trend dei primi dati, con una percentuale lievemente più alta per il Referendum, che arriva al 42,78%. Per le Regionali l’afflusso si ferma invece al 38,92%.

Giovanna Napolitano, votante a Marigliano (Napoli) denuncia l’assenza di mascherina del presidente di seggio, e l’assenza di misurazione della temperatura.
Segnalazione simile da parte di Loredana Bia, votante a Fratte, che rimarca la mancata pulizia del seggio e l’assenza di controllo della temperatura.

Per quest’ultimo punto però, è stato lo stesso Presidente di Regione uscente, Vincenzo De Luca, a promuovere la procedura, con un atto ufficiale, che elimina l’obbligo di misurazione.
L’obbligo di misurare la temperatura – chiarisce De Luca – non trova applicazione con riferimento all’accesso alle sezioni e ai seggi elettorali, per il quale, conformemente a quanto comunicato dall’Unità di Crisi Regionale con nota prot. 2693 del 15/09/2020, vigono le misure speciali indicate nel “Protocollo sanitario e di sicurezza per lo svolgimento delle consultazioni elettorali e referendarie dell’anno 2020” del Ministero dell’Interno e del Ministero della Salute” che riporta il parere del Comitato Tecnico Scientifico che “non ritiene necessaria la misurazione corporea durante l’accesso ai seggi”.

De Luca nell’ordinanza richiama “alla stretta osservanza dell’obbligo tassativo di indossare la mascherina sia negli spazi antistanti i seggi che all’interno degli stessi (ad esclusione del momento dell’identificazione dell’elettore nel quale andrà osservato, tra l’altro, un distanziamento di almeno due metri), di osservare il distanziamento sociale e di attenersi a tutte le altre disposizioni richiamate nel Protocollo sanitario menzionato”.

Rispondi