Inizia la bagarre cadetta: tutto sulle nuove squadre del torneo di serie B

Lecce, Monza e Cremonese in pole position. Le sorprese possono essere Pordenone, Reggina e Frosinone. Salernitana, con Tutino attacco ok. Spal, i fratelli Esposito sono un affare. Brescia, Donnarumma e Torregrossa garantiscono qualità al reparto

di Matteo Maiorano – Finalmente ci (ri)siamo. Neanche il tempo di mandare agli archivi la scorsa stagione (sui generis per i noti fatti legati alla pandemia), che le formazioni cadette sono pronte a scendere in campo per un nuovo e appassionante torneo.

Ai nastri di partenza troveremo diversi club che vorranno recitare la parte del leone: su tutti le neo retrocesse dal massimo campionato che, sostenute dal paracadute, proveranno fin da subito a risalire nell’empireo calcistico. Brescia, Spal ma soprattutto Lecce, sono le prime candidate al salto di categoria.

Occhi puntati anche sul Monza di Berlusconi: una campagna acquisti faraonica quella dei brianzoli che, al pari di uno stadio recentemente ristrutturato (il cambio di denominazione, da Brianteo a U-Power, è altamente indicativo del progetto a lungo respiro del patron lombardo) e con la supervisione di Adriano Galliani, darà filo da torcere a tutte le compagini, ereditando dal Benevento lo scomodo appellativo di schiacciasassi della categoria.

Troviamo poi Empoli e Frosinone, che vorranno guadagnare, senza affanni, un piazzamento d’onore tra le prime otto di B.

Occhio alle sorprese: organici alla mano, la Reggina è tra le candidate più accreditate a recitare il ruolo (alle volte scomodo) di rivelazione. Una nobile decaduta del nostro calcio che, con l’innesto dell’evergreen Menez, resta alla finestra.


ASCOLI – La rosa marchigiana è un cantiere aperto. Bertotto è chiamato a risolvere diverse grane in vista della trasferta di Brescia. Ninkovic non rientra più nei piani della società e non ha preso parte al ritiro del club. Indisponibili, causa covid, Alberto Gerbo e Miguel De Alcantara. Il futuro del centrocampista appare lontano dal Del Duca. OCCHIO A: BUCHEL

BRESCIA – I lombardi hanno confermato in larga parte la squadra dello scorso torneo. Balotelli, al centro del gossip ma fuori dal progetto tecnico, sembra destinato verso altri lidi. Dall’Olanda arriva il giovane van de Looi: farà parlare di sé. In attacco pochi dubbi: per tornare in alto servono le reti di Torregrossa e Donnarumma. OCCHIO A: TORREGROSSA

CHIEVO – In porta Semper e Seculin garantiscono solidità, al pari di una difesa confermata in blocco. In attacco le novità sostanziali: tanti giovani a guidare il reparto, da Canotto a Fabbro passando per De Luca. La certezza è Djordjevic. Mancherà la fantasia di Segre. OCCHIO A: ZUELLI

CITTADELLA – In Veneto sono poche le novità di rilievo, con Venturato che rinnova ancora una volta la linea verde. Tra i tanti giovani in arrivo c’è il milanista Frank Tsadjout, pronto a strappare una maglia da titolare al fianco dell’evergreen Stanco. L’assenza di Diaw potrebbe farsi sentire. OCCHIO A: MORA

COSENZA – In Calabria la nota dolente è l’addio di Rivière. Registriamo il ritorno di Litteri, chiamato a guidare l’attacco silano. Occhiuzzi, dopo il capolavoro dello scorso torneo, è chiamato a fare gli straordinari. OCCHIO A: SACKO

CREMONESE – I lombardi partono a fari spenti dopo la cocente delusione dello scorso torneo. La società non ha lesinato investimenti, anche importanti: Pinato, Celar, Montalto, Valzania, Crescenzi, Alfonso sono nomi importanti per la categoria, al pari dei soliti noti Ceravolo e Ciofani. OCCHIO A: STRIZZOLO

EMPOLI – In Toscana è arrivato Dionisi. Il tecnico, dopo il buon lavoro svolto a Venezia, vuole spiccare il volo. Sponda Juve è arrivato il giovane Olivieri. Fiammozzi e La Mantia portano qualità ai rispettivi reparti. OCCHIO A: MANCUSO

FROSINONE – Nesta ha riconfermato la difesa, mentre sulle vie centrali segnaliamo Vitale, Berrea ed Errico. In un attacco stellare, guidato da Dionisi, figurano Ciano, Novakovic e Trotta. OCCHIO A: CIANO

LECCE – I pugliesi partono inevitabilmente con i favori del pronostico. L’arrivo di Coda ha rimpinguato un reparto, quello avanzato, che vanta tanti giovani interessanti. Bene il centrocampo, ma i pericoli maggiori arrivano dalla trequarti, con Mancosu autentica mina vagante della manovra offensiva. OCCHIO A: CODA

VICENZA – Lanerossi al via con diverse incognite. l veneti puntano alla salvezza con un organico quasi inalterato. Meggiorini guiderà il reparto avanzato, ma la società continua a trattare Jallow e Nzola. OCCHIO A: DALMONTE

MONZA – I brianzoli partono con le luci dei riflettori puntate addosso. Tanti i movimenti in entrata, soprattutto con club di categoria superiore: in porta c’è il promettente Di Gregorio che, al pari di Bettella, deve ancora dimostrare tutto il proprio valore. Sull’out destro arriva Donati, ma è forse il centrocampo il ruolo dove Galliani ha lavorato meglio: Barillà, Machin, Barberis, Colpani sono ottime pedine per la categoria. Sulla trequarti è arrivata la stella Boateng. In attacco c’è il danese Christian Gytkjaer, al suo primo anno in Italia, mentre dalla Juve arriva Mota. OCCHIO A: GYTKJAER

PESCARA – Approdano all’Adriatico gli ex granata Jaroszynski e Maistro: il primo garantisce sicurezza, mentre il centrocampista è in attesa di spiccare il volo. 
Riccardi e Omeonga sono le promesse, mentre il presente si chiama Valdifiori. OCCHIO A: VALDIFIORI

PISA – Un mercato con pochi big quello dei toscani. Caracciolo è un buon nome per la retroguardia, mentre sulla mediana Pompetti lavorerà per guadagnare una maglia da titolare già all’esordio. D’Angelo ripartirà dal suo bomber, Marconi. OCCHIO A: VIDO

PORDENONE – I ramarri hanno strappato al Perugia Falasco, mentre dal Genoa è arrivato Calò. Rossetti (dal Torino) farà parlare di sé, ma è in avanti che la squadra di Tesser ha lavorato per bissare i successi dello scorso torneo: Diaw, Mallamo e il riconfermato Ciurria rappresentano un ottimo biglietto da visita. OCCHIO A: DIAW

REGGIANA – Gli emiliani partono con due handicap: gli infortuni di Venturi e Rozzio potrebbero far perdere qualcosa, in avvio, all’organico di Alvini. Sull’out mancino è arrivato Germoni, mentre a destra la freccia Gyamfi garantirà un discreto numero di cross per i saltatori emiliani. Muratore dell’Atalanta si è già fatto conoscere, mentre siamo in attesa di vedere i numeri di Mazzocchi, all’esordio in cadetteria. Zampano è stato un affare. OCCHIO A: MAZZOCCHI

REGGINA – Patron Gallo non vuole lasciare nulla al caso e la sua squadra farà un bel campionato. Plizzari in porta e Di Chiara in difesa le novità del reparto arretrato. Sulla mediana sono arrivati Crisetig, Del Prato e Faty, mentre in attacco fari puntati su Denis e Menez. Charpentier, ex Avellino, punterà a strappare una maglia da titolare. OCCHIO A: MASTOUR

SALERNITANA – Il vincolo della multiproprietà, al pari dell’ennesima stagione senza infamia e senza lode, ha fatto storcere il naso alla tifoseria. Castori a Sarnano ha lavorato con pochi uomini e gli ultimi arrivi in casa granata (è finita in meglio, dopo un lungo tira e molla, la telenovela Tutino) non hanno convinto gli addetti ai lavori. Tornano dalla Lazio i vari Lombardi, Casasola, Cicerelli, Dziczek, Karo, mentre il volto nuovo è Guerrieri. Sulla stagione pende un grande punto interrogativo. OCCHIO A: TUTINO

SPAL – Addii eccellenti in casa estense. Fares alla Lazio e Valdifiori al Pescara sono perdite importanti, ma Marino può contare su Paloschi e Castro, arrivati sull’asse con il Cagliari. I fratelli Esposito promettono scintille, mentre in avanti la certezza è Floccari. OCCHIO A: SEBASTIANO ESPOSITO

VENEZIA – I lagunari hanno strappato il centrale Taugourdeau al Trapani, mentre il reparto avanzato viene tutto oltre confine. Bjarkason, St Clair (di ritorno dal prestito agli scozzesi del Kilmarnock), Johnsen e Crnigoj sono una scommessa: a Zanetti il compito di infondere fiducia (e risultati) all’ambiente. In avanti confermato l’ex Salernitana Bocalon. OCCHIO A: JOHNSEN

V. ENTELLA – Liguri affidati a Tedino. In difesa bene Bonini, da scoprire Gabriel Cléùr. Brescianini è un primavera di belle speranze del Milan, mentre la certezza è Schenetti. In attacco molti giovani: il più interessante è Brunori, scuola Juve. Rodrìguez darà una mano al reparto. OCCHIO A: SCHENETTI

Rispondi