Covid, nuovo caso a Cetara

di Cinzia Forcellino

Nuovo caso di positività a Cetara per contrazione di coronavirus.

Questa volta il virus ha colpito un uomo di 48 anni circa che lavora presso la capitaneria di porto di Salerno.

Non si sa per certo se il Covid-19 sia stato contratto sul luogo di lavoro o durante attività ludiche, ma l’uomo sta bene ed è asintomatico. Resta alta invece la preoccupazione per la situazione e per la famiglia.

È stata proprio la lungimiranza dell’uomo, comunque, a far scattare l’allarme.

Mercoledì sera, stando a quanto ricostruito, la persona in questione ha contattato il sindaco di Cetara informandolo di essere venuto a contatto con un uomo risultato positivo al Covid-19.

Il primo cittadino Della Monica ha attivato immediatamente il protocollo e la sera stessa è stato effettuato il test rapido. Risultato negativo, il sindaco di Cetara non ha voluto lasciar dubbi, così per il giorno dopo ha disposto anche il test con il tampone.

«Di questi test rapidi non mi fido, forse sono troppo zelante, ma la situazione non è delle migliori e devo pensare ai miei concittadini. Per questo ho disposto in via cautelare che venisse fatto anche il tampone, proprio per eliminare qualsiasi dubbio» sostiene il sindaco.

Un’azione che gli ha dato ragione visto l’esito ribaltato da quest’ultimo. Dunque, avuta la notizia della positività, Della Monica ha ordinato la quarantena obbligatoria per il nucleo familiare dell’uomo e fiduciaria per tutti coloro che sono stati a contatto con lui.

Infatti, disposti per lunedì ulteriori diciotto tamponi per scongiurare ogni pericolo.

Il sindaco del borgo, comunque, ha manifestato anche una certa insofferenza alla disponibilità di ottenere i tamponi soltanto lunedì prossimo. «In una situazione di emergenza, come quella che stiamo vivendo, non è possibile aspettare. L’ordinanza dell’obbligo della mascherina a Cetara è stata reintrodotta il 19 agosto scorso, poi confermata anche da quella regionale del 24 settembre. In questi giorni sono stato in riunione anche con la protezione civile per chiarire il concetto di ‘tolleranza zero’ verso i cetaresi e i turisti», continua il primo cittadino.

Vero, perché Cetara – fortunatamente per i ristoratori, proprietari di bar ed esercizi commerciali – è stata presa d’assalto dai turisti quest’estate e le misure – spesso considerate impopolari e controcorrente con il resto della Regione e dell’Italia – hanno permesso però di non contare nuovi casi di coronavirus.

«Sicuramente parlerò anche con il Governatore De Luca di varie possibili soluzioni per il mio paese nel caso di positività da parte anche di uno soltanto dei diciotto che verranno tamponati o, nel caso malaugurato, di nuovi e ulteriori contagi», conclude Della Monica.

Rispondi