IO NON RISCHIO

Al via domenica la Campagna nazionale per le buone pratiche di Protezione Civile

La giornata dedicata alla campagna “Io non rischio – Buone pratiche di protezione civile” è alle porte: domenica 11 ottobre il volontariato di Protezione Civile, le Istituzioni e il mondo della ricerca scientifica saranno ancora una volta insieme per diffondere la cultura della prevenzione e le buone pratiche di protezione civile. Giunta alla decima edizione, per il secondo anno consecutivo la campagna aprirà la “Settimana nazionale della protezione civile”.

Come sempre i protagonisti della campagna sono i volontari e le volontarie di protezione civile.

Considerate le limitazioni determinate dall’emergenza Coronavirus quest’anno la Campagna cambia veste; si è scelto infatti di ridurre il numero delle consuete piazze sul territorio e di realizzare centinaia di piazze digitali: in questi luoghi di incontro e di scambio i volontari e le volontarie di protezione civile continueranno così a diffondere, con modalità rinnovate, la cultura della prevenzione e a sensibilizzare i cittadini sui rischi naturali, integrando in modo creativo i social media.

Ad AMALFI, dalle 8:00 alle 19:00, in diretta sulla pagina Facebook della P.A. Millenium Costa d’Amalfi odv, si parlerà di ALLUVIONE, con il contributo dei Sindaci e di tanti tecnici, a supporto dei VOLONTARI comunicatori, insieme per la diffusione delle BUONE PRATICHE DI PROTEZIONE CIVILE. La prevenzione non strutturale, passa dall’informazione della cittadinanza. UN CITTADINO INFORMATO È, SENZA DUBBIO, UN CITTADINO PIÙ SICURO!!

A dare ufficialmente il via alla settimana sarà il Capo Dipartimento della protezione civile Angelo Borrelli che, per salutare simbolicamente i 9.000 volontari di protezione civile impegnati nella campagna nazionale, domenica 11 ottobre visiterà alcune piazze della campagna Io non rischio.

Sul sito ufficiale della campagna, http://www.iononrischio.it, è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un’emergenza.

Rispondi