IL PREMIO ECCELLENZA ITALIANA RADDOPPIA TRA ROMA E WASHINGTON DC

“In questo tempo portiamo una ventata di speranza e di aria nuova sull’Italia, che guarda a professionalità che si impegnano per il successo e la rinascita delle proprie imprese e del territorio”: è questo il messaggio incoraggiante dell’ideatore Massimo Lucidi con il quale si apre la settima edizione del Premio Eccellenza Italiana.

Dopo un triennio con Santo Versace e un triennio con George Guido Lombardi adesso lo scettro della presidenza onoraria del premio passa a Tonino Lamborghini, che insieme a Massimo Lucidi guida i comitati del Premio, in Italia e nel mondo per “organizzare la Speranza”.
Un’espressione che assieme alla data richiama un grande testimone del nostro tempo:
Il 16 ottobre giorno in cui si ricorda l’elezione a Pontefice di Giovanni Paolo II , nell’anno del centenario della nascita. Un riferimento forte che si ritrova pure nei vincitori.
Tra le eccellenze premiate, Annamaria Boniello, giornalista, impegnata da oltre vent’anni a raccontare Capri, insignita del nella sezione Giornalismo.Una donna che con la sua attività professionale ha offerto un notevole contributo alla narrazione di Capri, meta che ogni anno ospita e attrae milioni di persone da tutto il mondo.

Da corrispondente di diverse testate giornalistiche, tra cui Paese Sera, Il Mattino e Panorama all’attività di pubbliche relazioni, fino a quella di promozione territoriale con enti ed Istituzioni, Annamaria Boniello racconterà alla platea selezionata e distanziata in collegamento con Washington DC, all’interno del prestigioso Palazzo extraterritoriale San Carlo ai Catinari, una Capri densa di miti e freschi ricordi.

Il Premio Eccellenza Italiana racconta l’Italia del merito e del talento. Nato nel 2014 da un’idea del giornalista Massimo Lucidi, ogni anno si riunisce a Washington DC per celebrare gli Italians che meritano di essere raccontati: un valore ben oltre la statuetta. Ancor più al tempo del Covid. Dove il Premio non lascia ma raddoppia, continuandosi a riunire a Washington DC ma anche a Roma in un palazzo del Vaticano per “organizzare la Speranza e guardare con Fiducia il Futuro”.

Torna nella settimana dedicata a Cristoforo Colombo il Premio Eccellenza Italiana. A Washington si conferma la cerimonia di premiazione che al tempo del Covid “raddoppia”: anche a Roma ci si riunisce vincendo l’impossibilità del viaggio. Grazie all’ospitalità del Palazzo extraterritoriale San Carlo ai Catinari dei Padri Barnabiti, Roma risponde alla chiamata di raccontare le eccellenze tra imprese e professioni, competenze e talenti, anche giovani che puntano a crescere e migliorarsi. Un’idea nata da 7 anni fa dal giornalista Massimo Lucidi che ogni anno raduna a Washington DC decine di protagonisti di storie di merito e di talento, in una settimana dedicata a Colombo e all’Italia.

“In questo tempo portiamo una ventata di speranza e di aria nuova sull’Italia, che guarda a professionalità che si impegnano per il successo e la rinascita delle proprie imprese e del territorio”: è questo il messaggio incoraggiante dell’ideatore Massimo Lucidi con il quale si apre la settima edizione del Premio Eccellenza Italiana.

Dopo un triennio con Santo Versace e un triennio con George Guido Lombardi adesso lo scettro della presidenza onoraria del premio passa a Tonino Lamborghini, che insieme a Massimo Lucidi guida i comitati del Premio, in Italia e nel mondo per “organizzare la Speranza”.
Un’espressione che assieme alla data richiama un grande testimone del nostro tempo:
Il 16 ottobre giorno in cui si ricorda l’elezione a Pontefice di Giovanni Paolo II , nell’anno del centenario della nascita. Un riferimento forte che si ritrova pure nei vincitori.

Tra le eccellenze premiate, Annamaria Boniello, giornalista, impegnata da oltre vent’anni a raccontare Capri, insignita del nella sezione Giornalismo.Una donna che con la sua attività professionale ha offerto un notevole contributo alla narrazione di Capri, meta che ogni anno ospita e attrae milioni di persone da tutto il mondo.

Da corrispondente di diverse testate giornalistiche, tra cui Paese Sera, Il Mattino e Panorama all’attività di pubbliche relazioni, fino a quella di promozione territoriale con enti ed Istituzioni, Annamaria Boniello racconterà alla platea selezionata e distanziata in collegamento con Washington DC, all’interno del prestigioso Palazzo extraterritoriale San Carlo ai Catinari, una Capri densa di miti e freschi ricordi.

Il Premio Eccellenza Italiana racconta l’Italia del merito e del talento. Nato nel 2014 da un’idea del giornalista Massimo Lucidi, ogni anno si riunisce a Washington DC per celebrare gli Italians che meritano di essere raccontati: un valore ben oltre la statuetta. Ancor più al tempo del Covid. Dove il Premio non lascia ma raddoppia, continuandosi a riunire a Washington DC ma anche a Roma in un palazzo del Vaticano per “organizzare la Speranza e guardare con Fiducia il Futuro”.

Rispondi