La protesta dei genitori, davanti alla Matteo Mari un bambino “chiede” di poter entrare a scuola

di Brigida Vicinanza

Seduto, in silenzio, davanti ad un cancello chiuso. È la foto simbolo che gira questa mattina sulle pagine facebook e sulle tante bacheche dei salernitani e delle mamme che ieri si sono visti chiudere le porte in faccia degli istituti scolastici. Tante le proteste per la chiusura improvvisa di primarie e secondarie, che domani verranno portate all’attenzione del Prefetto. L’immagine che resta impressa è quella di un bambino “pronto” per la scuola e che in silenzio guarda i suoi libri e i suoi quaderni, dinanzi i cancelli della Matteo Mari di Salerno. Arriva in fondo al cuore, tocca l’anima. Scrivono in molti, tra i tanti che non hanno compreso a fondo la decisione di ieri sera del Governatore Vincenzo De Luca, per contrastare l’emergenza Coronavirus che torna a preoccupare. “Forse la scuola è il luogo più sicuro”, dicono. E domani mattina l’appuntamento è alle 9.30 in piazza, davanti alla Prefettura, per chiedere un incontro alle istituzioni. Le voci si rincorrono, l’invito è rivolto a tutti i genitori in disaccordo con la decisione. Ma il “grido” rimane silenzioso e lascia spazio alle immagini. Quella che rimane è la foto di un bambino che attende il suo momento, senza poter però far nulla.

Rispondi