Mercato San Severino, omicidio Salvati: muore al “Ruggi” anche Aniello Califano


E’ deceduto questo pomeriggio presso l’ospedale “Ruggi d’Aragona” di Salerno, Aniello Califano, 38 anni, l’uomo rimasto ferito durante l’omicidio di Vincenzo Salvati, avvenuto il 2 ottobre scorso per mano di Vincenzo Ansalone, 35enne postino di Baronissi. La salma è stata sequestrata dai militari dell’Arma dei carabinieri e messa a disposizione della procura di Nocera Inferiore per l’autopsia. Ansalone esplose sei colpi di pistola calibro 357 magnum, colpendo mortalmente Salvati e ferendo Califano in modo grave il quale è deceduto durante questo pomeriggio. Aniello Califano dopo la sparatoria ha anche tentato di darsi alla fuga con la sua autovettura, ma successivamente si è schiantato contro un palo della luce a causa dell’eccessiva perdita di sangue che gli ha fatto perdere conoscenza.

Il postino 35enne dopo aver procurato la morte al Salvati si è costituito, riferendosi di essere stato aggredito dai due ma di non aver sparato per uccidere. Alla base delle lite e del successivo omicidio ci sarebbero questioni legate a soldi e droga.

ar

Rispondi