Conferenza stampa Conte ore 13:30. Firmato nuovo Dpcm

Di Maria Francesca Troisi

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm, per contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19. Attesa conferenza alle 13:30.
Sull’intero territorio nazionale si applicano le seguenti misure, con alcuni cambiamenti rispetto alla bozza del decreto pervenutaci:
Le attività di ristorazione sono consentite dalle 5 alle 18; al tavolo ci si può sedere al massimo in 4 persone, “salvo che siano tutte conviventi”. L’asporto e la consegna a domicilio restano possibili fino alle 24.

Spostamenti: è fortemente consigliato non spostarsi al di fuori del proprio Comune, tranne che per comprovati motivi di lavoro, studio e salute.
Obbligo di dichiarazione in occasione dell’ingresso nel territorio nazionale dall’estero

Scuola: confermata didattica in presenza per elementari e medie; didattica a distanza, almeno per il 75% delle attività, per le superiori.

Stop a gite, viaggi d’istruzione, concorsi pubblici e privati, tranne nel caso in cui la valutazione dei candidati avvenga su basi curriculari o in maniera telematica.

Chiuse piscine, palestre, sale scommesse, sale bingo, sale giochi e casinò.

Stop anche a centri ricreativi, comprensori sciistici, centri benessere, centri termali e anche i centri sociali.
Eccezione per luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, per bambini e ragazzi, sia al chiuso che all’aperto

Sono sospesi anche gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto. Sospese attività in sale da ballo e discoteche.

Restano aperti i musei; consentite le attività commerciali al dettaglio, a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza di un metro, ingressi dilazionati.

Sospesi gli eventi e le competizioni sportive degli sport individuali e di squadra, consentite solo le competizioni sportive di carattere nazionale.

Permane l’obbligo di usare la mascherina anche all’aperto, con la raccomandazione di indossarla anche all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi. Si raccomanda inoltre di non ospitare nelle abitazioni private persone non conviventi, se non per necessità.

Rispondi