I consigli della nutrizionista: le “batatas” come super food

Dott.ssa Alessandra Anna Serino

Saporite, integratori naturali ed adatti alla dieta vegetariana. Alla scoperta delle “batatas”, alimento che nonostante la sua versatilità è ancora poco padrone delle nostre tavole.

Le patate dolci o batatas o patate americane, radici tuberose appartenenti alla famiglia delle Convolvulaceae, sono considerate dei super food perché ricche di Vitamina A, vitamina C, calcio, potassio, magnesio e fibra. 

Apportano numerosi benefici a chi le consuma: – hanno un indice glicemico più basso rispetto alla patata normale; – proteggono l’organismo dalle infezioni grazie all’elevata presenza di vitamina C e betacarotene – grazie all’elevata quantità di vitamina A hanno un alto potere antiossidante e anti aging; – aiutano a regolare la funzione dell’apparato cardiovascolare grazie alla presenza di potassio, – hanno un ridotto apporto calorico.Nella loro buccia (commestibile) è presente una sostanza detta “cajapo” che ha effetti sulla riduzione della glicemia e del colesterolo. 

Secondo il CSPI (Center of Science in the Public Interest) che è l’associazione americana dei consumatori la patata dolce è il vegetale più benefico per l’organismo umano. È un integratore naturale per chi ha varie carenze o allergie ed inoltre è adatto sia alla dieta vegetariana che vegana.Come si cucinano? Innanzitutto a differenza delle patate comuni possono essere mangiate anche crude, anzi, sarebbe meglio consumarle in questo modo per evitare che il calore della cottura disperda l’apporto benefico dei nutrienti di cui sono ricche ma sono ottime anche cotte come le patate comuni ma l’importante è accompagnarle con un grasso, come ad esempio l’olio di oliva, per assimilare meglio tutti i carotenoidi e le sostanze solubili. In conclusione, il mio consiglio per chi non le conoscesse è di assaggiarle, il loro sapore è particolare ma non ve ne pentirete. 

Dott.ssa Alessandra Anna Serino, Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia presso l’Università degli Studi di Salerno e perfezionata in “Nutrizione e Metabolismo” svolgo come libera professionista l’attività di Biologa Nutrizionista a Nocera Superiore (SA).
“Entusiasta per professione, nutrizionista per passione”, sono convinta che la nutrizione possa curare la maggior parte dei disturbi e delle malattie.

Rispondi