Covid, chiusura Rianimazione, Fp Cgil Salerno: “Dramma per l’assistenza sanitaria della città”

“Chiudere il reparto di Rianimazione del presidio ospedaliero di Cava dei Tirreni, per dirottare il personale al Covid Hospital” Da Procida” di Salerno, lascia senza assistenza sanitaria un territorio di 52mila abitanti, portando al ridimensionamento del Pronto soccorso in Psaut: un vero e proprio dramma per la città ed i territori limitrofi, in una situazione epidemiologica ad alto rischio. Già un mese fa avevamo denunciato il pericolo di chiusura, ma constatiamo con amarezza che come al solito non si è impiegato questo tempo per trovare soluzioni valide e alternative che salvaguardassero il mantenimento del servizio di rianimazione a Cava. Aspettiamo ora risposte chiare dai Sindaci di Cava de’ Tirreni e delle zone limitrofe che devono farsi da garante a tutela di questo territorio per evitare di penalizzare la qualità dell’offerta sanitaria ai cittadini”. Lo dichiara in una nota la segretaria Fp Cgil Salerno.

Rispondi