La giustizia piegata: Covid, nessuna organizzazione e ritardi mandano il tilt il sistema.

di Adriano Rescigno

Caos nei tribunali, a farne le spese soprattutto il ramo della giustizia civile, l’esito più scontato? “A data da destinarsi”.

Che il Covid non ha risparmiato nessun settore è matematica certezza, quello che maggiormente meraviglia è la mancanza di decisioni circa il settore giustizia, con riforme sempre annunciate e mai realizzate, che arranca ed ogni giorno si alimenta di ritardi, rinvii e chiusure. Il quadro generale è disastroso, con un aggravarsi della cartella clinica, soprattutto per quanto riguarda la giustizia civile che presentava criticità decennali con carenza di personale, magistrati – a Cava de’ Tirreni per esempio il giudice di pace sta per serrare la porta al suo ufficio – con evidente ricaduta sulla nevrosi degli avvocati che spesso devono fare i conti con cancellieri in smart working che non rispondo al cellulare o alle mail oppure assenti come il 2 novembre al Tribunale di Salerno, oppure ancora con magistrati in ritardo che fanno saltare la turnazione dettata dalle entrate contingentate, le quali, previste per arginare il sovraffollamento richiedono rigore assoluto, ma se un ingranaggio salta: corridoi sovraffollati, rinvii d’ufficio oppure udienze rinviate “a data da destinarsi”. Senza voler aggiungere alla lista delle mancanze i contagi, visto che i togati non sono stati esentati dal contagio e dunque come accaduto il 3 novembre al Tribunale di Nocera Inferiore, chiusura di intere palazzine – nel caso specifico la B e la C – con il personale isolato in “lavoro agile” e l’istituzione di presidi “di raccolta atti urgenti”. Insomma, l’ennesimo crollo verticale su se stessi all’italiana, in cui quando si poteva decidere non si è deciso ed ora si affronta l’emergenza nell’emergenza. A questo punto, non è meglio un palla libera tutti per almeno 2 anni così si risparmia sulle spese processuali e gli avvocati al bar non saranno più costretti ad ordinare camomilla e ritorneranno al solito caffè?

Rispondi