Dal 24 novembre alunni in classe per materna e prima elementare

Di Maria Francesca Troisi

La Campania, zona rossa dal 15 novembre, riapre alcune scuole. L’Unità di Crisi regionale ha deciso la ripresa delle attività in presenza per materna e prima elementare.
La decisione è arrivata a poche ore dalla scadenza dell’ordinanza firmata da Vincenzo De Luca, che disponeva l’attività di didattica a distanza per tutte le classi di ogni ordine e grado, “fatta eccezione per lo svolgimento delle attività destinate agli alunni affetti da disturbi dello spettro autistico e/o diversamente abili, il cui svolgimento in presenza è consentito previa valutazione, da parte dell’Istituto scolastico, delle specifiche condizioni di contesto è altresì confermata la sospensione delle attività didattiche e di verifica in presenza (esami di profitto e verifiche intercorso) nelle Università, fatta eccezione per quelle relative agli studenti del primo anno, ove già programmate in presenza dal competente Ateneo”. 

Solo ieri, nel corso della diretta fb, De Luca aveva ripreso il Governo sul ‘tema scuola’ (tra le altre cose), rimproverando una decisione dell’ultimo Dpcm, da lui preso da tempo, con la sospensione della didattica in presenza.

Il comunicato stampa:
Le attività in presenza dei servizi dell’infanzia e delle prime classi della scuola primaria riprenderanno dal 24 novembre, previa effettuazione di screening su base volontaria sul personale docente e non docente e sugli alunni. Per gli ordini e gradi scolastici diversi, l’Unità di crisi regionale all’unanimità ha ritenuto di dover confermare la didattica a distanza.

Solo un’altra settimana di didattica a distanza per gli alunni di asili e prima classe delle scuole elementari, che potranno riprendere in presenza, così come accade in tutto il resto d’Italia (anche nelle zone rosse). Fino ad oggi solo il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ed il governatore pugliese Michele Emiliano avevano disposto la sospensione dell’attività didattica in presenza con l’attivazione della Dad.

Rispondi