Basket femminile, Rossini:”Il Comune dia garanzie sulla possibilità di trasferte al nord”

di Matteo Maiorano – Effetto psicosi in Serie A1. La cestista americana Alyssa Lawrence lascia l’O.ME.P.S. Givova a seguito del rischio di contrarre il Covid-19, virus che in queste settimane è arrivato anche nel nostro paese. Sebbene Battipaglia non sia un focolaio, l’atleta venerdì ha deciso di risolvere il proprio contratto con la società arancioblu. Il roster, che attualmente occupa l’ultima posizione del massimo campionato di basket nazionale, è così oggi sprovvisto di un’ala: “Abbiamo impiegato due mesi per prendere un’atleta che rispondesse alle caratteristiche di Alyssa e purtroppo abbiamo dovuto salutarla. Ha chiesto di andare via in lacrime – spiega il presidente Giancarlo Rossini – e l’ho accontentata”. La situazione ha avuto luogo qualche giorno fa: “E’ venuta nel mio ufficio impaurita: venuta a conoscenza delle statistiche sul Coronavirus ha voluto lasciare l’Italia. Ho provato a dissuaderla, le ho spiegato come non avesse nulla da temere. Io stesso ho a cuore la salute delle mie atlete e penso sempre prima al loro benessere psicofisico”.
La stagione regolare, ferma a causa dell’emergenza sanitaria, riprenderà questo fine settimana: “Voglio risposte dal Comune. Qualche settimana fa una scolaresca di ritorno da Venezia è stata messa in quarantena. Voglio garanzie prima di partire, devo sapere a cosa vado incontro una volta in trasferta. L’unica mia prerogativa è il benessere psicofisico delle mie atlete, sono anche disposto a retrocedere purché sia tutelata la loro salute”. E a fine marzo la squadra sarà impegnata nel doppio confronto esterno contro Torino e Busto Arsizio: “Hanno sospeso il torneo delle Regioni, che si terrà a Pasqua. Il campionato prosegue regolarmente. Necessario un pizzico di equilibrio”. Nonostante la situazione, inalterata la fiducia negli organi competenti: “Stimo Petrucci, capisco che anche per lui non sia facile. E’ una persona giusta, che salvaguarderà il movimento”. Sul momento storico vissuto dalla PB 63: “La stagione è iniziata male e proseguita peggio. Nello sport, però, non è mai detta l’ultima parola”.

Rispondi