Camera di Commercio e Prefettura insieme per le imprese: servono più ristori, attenzione pericolo usura e racket

di Sabrina Gambaro

Oggi la “Camera di Commercio” di Salerno ha stimolato una nuova proficua riflessione sulla drammaticità del periodo economico, e ovviamente anche sanitario, che stiamo vivendo.

L’iniziativa congiunta è stata proposta dalla “Prefettura” e dalla “CCIAA” di Salerno per mettere in luce la necessità da parte del Governo, della messa a disposizione di un piano socio economico poderoso a sostegno di imprese e famiglie.

Le proposte di “Confesercenti”, una delle principali associazioni imprenditoriali del Paese, sono nate proprio in luce al fatto che i ristori attuali non sono sufficienti a scongiurare il fallimento di migliaia di aziende, mentre la burocrazia ed i balzelli aumentano.

Tra le altre richieste la riattivazione, in ambito locale, dei tavoli di crisi per ascoltare le sofferenze delle piccole imprese e dei commercianti nei rispettivi comuni.

Infine Raffaele Esposito, in qualità di neo-presidente rete per la Legalità di SOS impresa Salerno e provincia, ha riportato le criticità di alcune aree del territorio connesse ai crimini di usura e racket, chiedendo un maggiore sostegno alle già validissime indagini in corso da parte delle forze dell’ordine.

I “nuovi poveri” aumentano e con loro le distorsioni economiche e sociali, ma Istituzioni Statali non sono rimaste indifferenti dimostrando il loro ascolto e la loro vicinanza concreta alle imprese. Tutto anche grazie al coinvolgimento attivo e periodico delle associazioni datoriali maggiormente rappresentative, aspetto fondamentale colto già dalla prima ora da Sua Eccellenza il Prefetto di Salerno Francesco Russo.

Rispondi