Caos rifiuti: incertezza sulle società provinciali di Caserta, Napoli ed il caso Salerno

Caos nella gestione rifiuti. La legge regionale n° 38 del 29/12/2020 prevede il trasferimento a titolo gratuito, ma in proprietà, delle dotazioni impiantistiche delle società provinciali che si occupano di rifiuti agli Enti di Ambito. Sarà questo, poi, ad individuare idonei gestori.
Non c’è ancora chiarezza sulle risorse che serviranno e soprattutto sul destino dei lavoratori.
La citata Legge Regionale n° 38/2020, di fatto, realizza (ed è giudizio diffuso) un esproprio di un ingente patrimonio tecnico – operativo senza, tra l’altro, affrontare contestualmente tematiche e problematiche connesse e contingenti.
Un simile intervento normativo, ed è la linea che passa fra i manager delle province, non può essere posto in essere senza una preventiva e programmata attività di confronto tra le parti interessate e senza una più ampia e complessiva definizione di tutti gli aspetti tecnico – gestionali connessi alla vicenda.
In queste settimane c’è fermento nel capoluogo di Napoli, con la SAPNA, a Caserta con Gisec ed a Salerno con EcoAmbiente. E se a Napoli si consumerà il caso, c’è trepidazione in Terra di Lavoro dove Gesac funziona ed a Salerno dove si stanno sperimentando percorsi diversi

Marino Amato

Rispondi