Da passione di famiglia ad attività artigianale: l’arte presepiale CeMiDi

«Il presepe oggi? Al di làdel valore religioso, ritengo rimanga il sinonimo più puro di intimità familiare e solidarietà verso il prossimo». Cambiano le tecniche di lavorazione, ma l'idea di base è sempre la stessa per Mimmo Iuorio di “CeMiDi”, laboratorio d'artigianato messo su insieme alle cugine Cetty e Dina nel settembre 2016.

Mario Manzo, una vita a tutto gas

«Ottimizzazione, sacrificio e strette di mano». La storia di Mario Manzo, imprenditore di Angri, raccontata dal figlio Giancarlo e dalla nipote Daniela. Dalla bottega alla leadership nazionale per vendite di auto e moto, la barba in autogrill e gli incontri con “Mister Suzuki”, al secolo Osamu Suzuki, proprietario del marchio giapponese.

«Io, da studentessa accompagnata ad addetta all’accompagnamento»

Sono tante le storie che si intrecciano all'interno del laboratorio H dell'Ufficio Diritto allo studio del campus di Fisciano. Storie di ragazzi provenienti da corsi di studio differenti, accomunati dal desiderio di emergere, di conquistare un posto nel mondo.

Paolo Iacullo, ambasciatore del Made in Italy

«Ad oggi dico che ne è valsa la pena». Paolo Iacullo, non ha dubbi: lasciare l'Italia per trasferirsi in Canada, a Toronto precisamente, si è rivelata una fortuna. Nato a San Gregorio Magno l'8 giugno del 1977, nel 2012 decide di lasciare la sua città natale e il suo Paese.

Giovanna Basile, un posto nell’Olimpo dei Conservatori italiani

E' tra le 5 eccellenze femminili dei conservatori italiani. Giovanna Basile, classe ’98, porta in alto il nome del conservatorio Martucci di Salerno. Al secondo anno della triennale, figlia d’arte, ha avuto la possibilità di suonare in posti prestigiosi e di partecipare a concorsi nazionale di spessore.

L’esperienza negli scatti di Manuel: «Spero siano d’ispirazione per altri»

E se Mauro ha scelto di dire addio al suo lavoro, Manuel Micheli ha deciso di metterlo a servizio di Paolo e del suo viaggio per un reportage che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica per mostrare le difficoltà che vive quotidianamente un disabile non solo a causa delle barriere architettoniche ma anche e soprattutto delle barriere mentali che, afferma Manuel, «sono le più alte e le più difficili da superare».

Benedetti, quando il pallone era ancora un’arte

“Benè capisce la pittura, sente la forma e rende il volume”. Era il 1947 e la Salernitana, composta da un manipolo di calciatori e nulla più, rappresentava lo specchio del provincialismo. Impacciata, pochi investimenti possibili ma tanta, tantissima passione. Un po' a sorpresa, dopo un grande campionato, la Salernitana si affaccia per la prima volta alla serie A.