Salvini stacca la spina, Di Maio s’infuria, Conte si ribella

Che prima o poi questo momento sarebbe arrivato, lo pensavano tutti - o quasi - ma lo dicevano in pochi. Un anno e due mesi: tanto è durata, tra alti e bassi, l’esperienza di Governo a trazione Movimento Cinque Stelle e Lega, prima che il leader del Carroccio, Matteo Salvini, annunciasse “urbi et orbi” l’avvio della crisi dell’esecutivo nazionale.

Annunci

«Elezioni? Non è il momento. Si pensi ad un’alleanza»

Tornare al voto, in questo momento, rappresenterebbe un grave danno per il Paese: a parlare così il deputato salernitano di Liberi e Uguali, Federico Conte in merito alla crisi di governo che rischia di far tornare al voto gli italiani.

La crisi del Governo mette in crisi il Pd

Piomba come un fulmine a ciel sereno (o quasi) la crisi di governo nel pieno della settimana di Ferragosto. Un colpo di acceleratore di Matteo Salvini, insofferente, ormai già da qualche mese. Ancor di più all’indomani del consenso elettorale ottenuto alle scorse elezioni europee.

Aeroporto, il Cilento rivendica un posto nella denominazione

Arriva anche la Lega sulla proposta di arricchire la denominazione dell’aeroporto “Costa d’Amalfi” con la dicitura Cilento. L’ultima di una lunghissima serie sottoposta negli anni all’attenzione degli enti gestori. Da tempo in campo ci sono i sindaci della zona e soprattutto il presidente del parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Tommaso Pellegrino.

Acque rosse a Santa Teresa: «E’ sversamento abusivo»

Il Comune può offrire occasioni, poi sta ai commercianti saperle sfruttare per guadagnare. E’ questo in sintesi il pensiero del sindaco di Salerno Vincenzo Napoli che, alcuni giorni fa, ha firmato un accordo con la Siae per agevolare i titolari degli esercizi commerciali che scelgono di avere, all'interno del loro locale, musica dal vivo, grazie ad una riduzione del 60% per i gestori dei locali in regola con i pagamenti della tassa sui diritti d’autore.

«Un privilegio combattere per gli altri»

Ultimo si racconta. In occasione del premio legalità “Sant’Alfonso” 2019 conferitogli dall’arcidiocesi Amalfi – Cava de’ Tirreni, il colonnello Sergio De Caprio ha avuto la possibilità di raccontarsi e raccontare la vita all’interno dell’Arma e della “Crimor”, oggi smantellato, gruppo specializzato all’interno dei Ros che si occupò non solo della cattura del capo della cupola mafiosa Totò Riina, ma anche dell’inchiesta “Duomo Connection” che accertò un’intensa attività edilizia della malavita siciliana, realizzata - secondo l'accusa - con la collaborazione degli imprenditori Sergio Coraglia e Gaetano Nobile.

Noe e Nas sempre più depotenziati Ultimo: «E’ un genocidio culturale»

Quelli ambientali e contro la salute pubblica possono essere considerati i reati del secolo. «Quello ai danni dei carabinieri appartenenti al Noe e al Nas è un vero e proprio genocidio culturale»: questo, invece, l’accorato appello del colonnello “Ultimo”, al secolo Sergio De Caprio.